THE 1975 – NOTES ON A CONDITIONAL FORM

[ Dirty Hit/Polydor - 2020 ]
6
 
Genere: Indie-pop, synth-pop
Tags:
 
8 Giugno 2020
 

Entrati nel circuito mainstream ormai già da tempo, Matty Healy e soci sono praticamente ovunque, su ogni rivista, su ogni sito specializzato e non, i social travolti di like dei loro tanti followers. Insomma, stanno raccogliendo da ogni parte i fiumi di elogi che scorrono riguardo al loro nuovo lavoro. Questo “Notes On A Conditional Form” si compone di 22 tracce per ben oltre ottanta minuti tra divagazioni – tanto di moda oggi e che seguono la parabola dell’attivista più famosa del globo, Greta Thunberg (ad inizio album) – e “suoni” che si succedono tra una canzone e l’altra come a fungere da prologo dello skip successivo.

Se non fosse per il seguito dell’opener, una punkeggiante “People” accompagnata dalla straziante voce del trentunenne frontman, ben si potrebbe unire il precedente “A Brief Inquiry into Online Relationships” a questo nuovo “super” full-length così da formare una ricca monografia sonora della band macuniana. E già perché la nuova fatica di Matty Healy, Adam Hann, Ross MacDonald e George Daniel non si discosta affatto dalle tipiche sonorità loro marchio di fabbrica tanto da ritrovare quasi subito nello scorrere del torrente musicale un clone di “TooTimeTooTimeTooTime” in “Frail State of Mind”.

Innegabile la capacità della band di saper costruire un brano a regola d’arte, tuttavia è proprio questa loro attitudine il loro limite più grande. In “Notes On A Conditional Form” non ci sono brutte canzoni ma tutte, al netto dei pleonastici interludi strumentali, hanno perso oramai l’effetto sorpresa, il “wow” d’ordinanza.

Non a caso, gli episodi migliori dell’album finiscono per essere una delicata ed ispirata ballata “Jesus Christ 2005 God Bless America” con il prezioso featuring di Phoebe Bridgers ed una gospelliana “Nothing Revealed / Everything Denied”, laddove invece i pur buoni “The Birthday Party” e “Tonight (I Wish I Was Your Boy)” nulla di nuovo aggiungono perdendo dunque di smalto e freschezza.

Ad un certo punto dell’ascolto (lungo) si smarriscono per la strada (inevitabilmente) le fila del discorso mentre si incorre nei beat di I Think There’s Something You Should Know oppure nella brutta copia del sound dell’ultimo Noel Gallagher in “Me & You Together Song per non parlare, poi, del verso ruffiano e vintage anni ’80 di “If You’re Too Shy (Let Me Know)” – qui il featuring è di FKA twigs – dove Rick Astley incontra Nick Kamen.

Peccato perché i ragazzi di Manchester conoscono bene la forma canzone (anche negli spezzoni decisamente passabili come “What Should I Say” o “Roadkill”), ma alla lunga l’uso ripetuto delle voci filtrate (vocoder a go go) di Healy ed elettronica diversificata finiscono paradossalmente per fare risultare l’ascolto complesso pur in presenza di uno spiccato mood catchy.

Tracklist
1. The 1975
2. People
3. The End (Music For Cars)
4. Frail State Of Mind
5. Streaming
6. The Birthday Party
7. Yeah I Know
8. Then Because She Goes
9. Jesus Christ 2005 God Bless America
10. Roadkill
11. Me & You Together Song
12. I Think There’s Something You Should Know
13. Nothing Revealed / Everything Denied
14. Tonight (I Wish I Was Your Boy)
15. Shiny Collarbone
16. If You’re Too Shy (Let Me Know)
17. Playing On My Mind
18. Having No Head
19. What Should I Say
20. Bagsy Not In Net
21. Don’t Worry
22. Guys
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...