OGGI “WIDE AWAKE IN AMERICA” DEGLI U2 COMPIE 35 ANNI

 
Tags: ,
10 Giugno 2020
 

Questo EP fu pubblicato nell’85, mentre la band irlandese stava lavorando a “The Joshua Tree”; inizialmente fu pubblicato solamente in America e Giappone, raccogliendo due brani dal vivo e due B-sides dell’epoca. La qualità delle registrazioni dal vivo è buona, forse eccessivamente lineare e pulita, perché, a volte, sembra che manchino quell’intensità, quella passione, quella rumorosità e quel trasporto emotivo che avevano caratterizzato l’epico live “Under A Blood Red Sky”, anche se Bono e The Edge danno vita ad una versione di “Bad” particolarmente sentita e commovente.

“The Unforgettable Fire” era stato una vera e propria svolta rispetto alla trilogia iniziale; non c’era più lo storico produttore Steve Lillywhite, ma la coppia formata da Brian Eno e Daniel Lanois, che spingono la band a cercare il suo lato più romantico, più introspettivo, più criptico, perfettamente rappresentato dall’aria di mistero che avvolge e circonda lo Slane Castle.

“Bad” è la storia di una dipendenza che ti svuota e ti fa sentire sempre più insensibile ed impotente, riducendoti a brandelli ed allontanandoti da tutti coloro che ami; è dal celebre verso “I’m wide awake“, infatti, che proviene il titolo dell’EP, dagli effetti che questa forza malvagia e dirompente ha sulle persone, sulla loro mente e sul loro fisico, consumandole, trasformandole, portandosi via i loro giorni e le loro notti migliori.

L’altro brano live, sempre estratto dall’album “The Unforgettable Fire”, è “A Sort Of Homecoming” che ha, appunto, il sapore nostalgico della propria casa, di quel luogo poetico a cui sentiamo di appartenere, ma dal quale, spesso, siamo costretti a separarci, alla perenne ricerca di tempo, di altro tempo da poter spendere per poter realizzare i propri sogni ed i propri obiettivi. Il tempo, infatti, diventa quasi una inesorabile condanna, ne siamo prennemente succubi ed affamati e quello che possediamo non sembra mai essere abbastanza, almeno finché non ci ritroviamo in quel luogo magico che consideriamo la nostra casa: lì il tempo pare arrendersi ed il suo potere terapeutico può guarire qualsiasi ferita. Il testo, inoltre, ha anche una chiave di lettura più cruda e politica che volge il suo sguardo all’Irlanda, alle afflitte distese devastate dalla morte.

Dolore, nostalgia, tempo, casa, testi avvolti dal mistero in bilico tra politica e poesia, gli U2, dunque, sono pronti a varcare le porte dell’altopiano desertico del Joshua Tree Monument Park.

Pubblicazione: 10 giugno 1985
Durata: 20:42
Dischi: 1
Tracce: 4
Genere: Rock
Etichetta: Island Records
Produttore: Brian Eno & Daniel Lanois
Registrazione: 1984-1985

1.Bad (live) – 7:59
2.A Sort Of Homecoming (live) – 4:06
3.The Three Sunrises – 3:52
4.Love Comes Tumbling – 4:45

 

Diego Armando Maradona: Città del ...

Nel 1986 la nazionale argentina di calcio si laurea campione del mondo per la seconda e per ora ultima volta; una buona squadra, si dirà, ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Gentle Giant” dei ...

Spegne oggi cinquanta candeline il primo disco, omonimo, dei Gentle Giant, tra le band simbolo di quella fortunata stagione musicale passata ...

Oggi “Since I Left You” dei The ...

Libertà, sperimentazione, un pizzico d’incoscienza. Queste le caratteristiche del debutto sulla lunga distanza di Robbie Chater e Darren ...

Oggi “Lola Versus Powerman ...

“Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One” è l’ottavo disco dei The Kinks, uscito il 27 Novembre 1970. Un ...