GARY OLSON
Gary Olson

[ Tapete Records - 2020 ]
8
 
Genere: Indie-pop, Baroque-pop
 
12 Giugno 2020
 

Curato, incantevole, sopraffino, a dir poco sublime. Dopo avervi spoilerato il finale di questo atteso album non vi resta, dunque, che immergervi nel bellissimo viaggio organizzato da Gary Olson il quale vi porterà sin dalle prime note a scoprire l’essenza di questo suo songwriting d’autore.

Il leader dei Ladybug Transistor, pur non avendo ufficialmente chiuso i giochi con la band di origine, ritorna con questa perla a distanza di ben nove anni da “Clutching Stems” regalando ai suoi fan un album solista d’esordio che non faticherà a rimanere nelle vostre playlist davvero a lungo.

Le premesse – quelle dei due singoli precursori del disco, la bellissima ed incantata “Giovanna Please”, che ricorda alcune sonorità vicine ai Kings of Convenience e “Some Advice” con il suo irresistibile mood – hanno da subito messo le cose in chiaro; Gary Olson è rimasto legato a quella magia che ha contraddistintole sue opere.

Questo il prologo dell’esordio, quindi, che parte con una delicatissima opener, “Navy Boats”, che scandisce il leitmotiv dell’album in tutti i quasi quaranta minuti delle undici meravigliose tracce. Le note tanto care allo statunitense proposte in tanti anni di Ladybug Transistor sono, dunque, tutte contenute in questo album che tuttavia riesce a brillare di luce propria grazie alla accurata produzione di Olson che si riverbera soprattutto negli episodi pop come “Afternoon into Evening”, “A Dream for a Memory” o nella closing track “The Old Twin” dove è naturale incrociare quel sound a mezza via tra The Go-Betweens e Calexico.

La tromba marchio di fabbrica delle sonorità di Olson non lesina in alcun modo senza mai però essere invadente, anzi. Le sensazionali sezioni con gli archi poi, come in “Diego It’s Time”, accompagnano la voce ammaliante e trasognata di Gary la quale sebbene non si caratterizza per particolari slanci risuona fluida e riconoscibile come nella solenne “All Points North”, forse il miglior brano del disco, o in “Postcard from Lisbon”.

Certo, non è tutto oro ciò che luccica e, invero, ad un certo punto del full-length vi sembrerà di ascoltare lo stesso brano ma vi posso garantire che è solo il risultato dell’inconfondibile sound che Gary porta con sé, mai stancante, mai tedioso.

Si tratta pur sempre di canzoni semplice, immediate, solari e piacevoli le quali vi faranno sentire bene, a vostro agio, di buon umore insomma. E di questi tempi direi che non è una cosa scontata.

A me questo disco ha toccato il cuore, e spero faccia lo stesso effetto anche a voi.

Tracklist
1. Navy Boats
2. Giovanna Please
3. Some Advice
4. Postcard From Lisbon
5. All Points North
6. Initials DC
7. Afternoon Into Evening
8. Diego It’s Time
9. A Dream For A Memory
10. Tourists Taking Photographs
11. The Old Twin
 
 

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...

Courtney Marie Andrews – Old ...

Dopo l’ottimo “May Your Kindness Remain”, uscito nel marzo 2018, Courtney Marie Andrews ritorna con quello che è il suo settimo LP: ...

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...