OGGI “KILLING IS MY BUSINESS… AND BUSINESS IS GOOD!” DEI MEGADETH COMPIE 35 ANNI

 
12 Giugno 2020
 

Tutti sappiamo dell’improvviso licenziamento di Dave Mustaine dai Metallica, in parte per il suo carattere litigioso e saccente, in parte per l’abuso abnorme di alcool e droghe, fatto sta che dopo l’allontanamento e dopo il fortunato esordio discografico dei Metallica, da cui si sentiva essere stato sfruttato e tradito, Dave ne fece una questione personale e decise che avrebbe speso ogni sua energia per superare i suoi ex-compagni, trasformando la rabbia, l’odio e la delusione in impeto creativo.

Essere, quindi, il più veloce, il più potente, il più cattivo, mentre, nel frattempo, la toccata e fuga in Re minore di Bach, eseguita con piano e chitarra, viene fagocitata dalle ritmiche incisive e travolgenti di “Last Rites / Loved To Death”; dalle atmosfere cupe e dalle accelerazioni improvvise della title track; dalla minacciosa e cruda brutalità di “The Skull Beneath The Skin”, che dona al thrash metal dei Megadeth un tocco di vibrante e dolente acidità. Non è soltanto una questione di velocità o rivalsa, ma a “Rattlehead” sembra non interessare affatto, impegnata com’è a seguire il suo vortice interiore di cuoio, borchie, peccato, pogo e rumore, che poi rallentano nelle sfumature ipnotiche e sofferenti di “Looking Down The Cross”, il brano in cui Dave mostra il suo lato più fragile ed umano, e nell’idea assurda, ma alla fine riuscita, di stravolgere un brano di Nancy Sinatra, “These Boots”, donandogli una veste thrash e modificandone il testo per renderlo più sfrontato e sarcastico, per mettere in evidenza come, spesso, abusiamo di certe parole, di certe emozioni, costruendo castelli di sabbia – nel nome di un amore finto e estremamente materialista – che ovviamente non possono che crollare su stessi.

Vic Rattlehead, ritratto sulla copertina dell’album, sembra rivolgersi al mondo intero, un mondo che finge di non vedere e che non vuole parlare; infatti il nostro caro teschio ha gli occhi coperti e chiodi che gli impediscono di aprire la bocca, quasi a voler marcare il fatto che questa società non persegue la Verità, anzi la ignora deliberatamente, la tradisce, se la mette sotto i piedi per perseguire i suoi loschi interessi economici. Considerazioni che, ovviamente, si basano anche sulle vicende personali di Dave, sull’amore che può trasformarsi in odio, facendoti diventare un cecchino, un assassino ben pagato, uno che ormai se ne frega sia della verità, che delle menzogne e che pensa solamente a questo suo lavoro – uccidere – un lavoro che, in questo mondo, andrà sempre bene!

Pubblicazione: 12 giugno 1985
Durata: 30:48
Dischi: 1
Tracce: 8
Genere: Thrash Metal, Speed Metal
Etichetta: Combat Loud
Produttore: Dave Mustaine & Karat Faye
Registrazione: 1984-1985

1.Last Rites/Loved to Death – 4:38
2.Killing Is My Business… And Business Is Good! – 3:02
3.The Skull Beneath the Skin – 3:42
4.These Boots – 3:39
5.Rattlehead – 3:39
6.Chosen Ones – 2:50
7.Looking Down the Cross – 4:58
8.Mechanix – 4:20

 

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Parachutes” dei ...

Sparare a zero sui Coldplay è diventato negli anni, sempre di più, uno degli sport preferiti di molti appassionati di musica, per non dire ...

Oggi “Fun House” degli ...

Fiamme avvolgono volti e corpi di quattro ragazzi di Detroit. La lava avvolge il giovane Iggy Pop incatenato nel fuoco, un fiume in piena ...

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...