JEHNNY BETH
To Love Is To Live

[ Caroline - 2020 ]
8
 
Genere: Post punk
 
15 Giugno 2020
 

Il rinvio della data d’uscita a causa della pandemia non ha certo diminuito la curiosità per il debutto solista di Jehnny Beth (Camille Berthomier) voce delle Savages. “To Love Is To Live” ha avuto una gestazione lunga, diversi anni passati a comporre musica con l’aiuto del partner di sempre Johnny Hostile, brani poi perfezionati dalle sapienti mani di produttori come Flood , Atticus Ross e arricchiti da numerosi ospiti (Romy Madley Croft dei The XX, Joe Talbot degli IDLES).

Un nuovo inizio ispirato da una perdita (quella di David Bowie) che ha spinto Jehnny Beth in una direzione diversa dal lucido, ferale, martellante post punk sperimentato insieme a Ayse Hassan, Fay Milton e Gemma Thompson. I trentotto minuti di “To Love Is To Live” sono più sfaccettati e inquietanti, musicalmente spaziano dall’elettronica rumorosa a momenti di quiete, poesia e jazz scolpiti su basi spesso minimali che crescono poco a poco.

Le note di “I Am” contengono già molti dei temi dell’album: vergogna e peccato, lussuria, pentimento e innocenza violata. La voce di Jehnny Beth è spesso tagliente, a volte quasi robotica e mai rassicurante come dimostrano “Innocence”, l’erotismo elettrico di “Flower”, le pulsazioni fredde di “We Will Sin Together”.

Cillian Murphy (il Thomas Shelby di “Peaky Blinders”) recita il poema “A Place Above” e introduce l’assalto sonoro di “I’m The Man” che abbiamo ascoltato per la prima volta nell’ultima stagione della serie creata da Steven Knight. L’elettro pop di “Heroine” ispirato da Romy Madley Croft, l’aggressiva e gelosa “How Could You” con Joe Talbot nel ruolo maschile, una ballata delicata come “French Countryside” e la cangiante “Human” chiudono un disco non banale né immediato.

Forse solo Peaches, la Anna Calvi di “Hunter” sono riuscite a parlare in termini così espliciti di umanità, piacere e sessualità senza veli né confini (“The Rooms” docet). La sensualità evocata in quest’album è diversa: meno voluttuosa, più rocciosa, fredda e ragionata.

Non è la la Jehnny Beth frontwoman arrabbiata quella che incontriamo tra le note di “To Love Is To Live” ma il suo alter ego trasgressivo e vulnerabile. Camille Berthomier rinuncia alla melodia e celebra la dissonanza in modi imperfetti e coraggiosi. Il messaggio arriva, forte e pronto per essere ascoltato.

Credit Foto: Johnny Hostile

Tracklist
1. I Am
2. Innocence
3. Flower
4. We Will Sin Together
5. A Place Above
6. I’m The Man
7. The Rooms
8. Heroine
9. How Could You
10. French Countryside
11. Human
 
 

Hey, King! – Hey, King!

Si presentano con un biglietto da visita di tutto rispetto le Hey, King! : un album d’esordio prodotto da Ben Harper (già al loro fianco ...

Dry Cleaning – New Long Leg

Tutti pazzi per i Dry Cleaning, volendo parafrasare il titolo di un celebre film, ancorché in tal caso non vi è nulla di comico o ironico ...

Glasvegas – Godspeed

<Non pensavo ci avrei messo così tanto> dice James Allan, ormai de facto padrone di casa Glasvegas (scrive, produce, registra), che ...

The Fratellis – Half Drunk ...

Per fortuna una band pop-rock può ancora crescere (o invecchiare, che dir si voglia) senza scimmiottare i ragazzi che sono stati, o ...

Tomahawk – Tonic Immobility

Mi ero chiesto giusto recentemente che fino aveva fatto Mike Patton, se c’è uno cui il music biz ha bisogno, uno che sparigli le ...