OGGI “DE STIJL” DEI THE WHITE STRIPES COMPIE 20 ANNI

 
20 Giugno 2020
 

Il secondo album dei White Stripes è un viaggio attraverso innumerevoli stili musicali ed espressivi; un disco eterogeneo ed accattivante che non ha alcun timore nel mescolare orecchiabile bubblegum-pop, garage rock, blues, cabaret, rock, nel nome di quel movimento artistico olandese che all’inizio del Novecento, prima che il nazismo sconvolgesse l’Europa ed il mondo, proponeva forme e trame astratte divertenti e colorate esclusivamente di rosso, blu, giallo, bianco e nero.

Colori che ritroviamo anche nel lavoro di Jack e Meg: il giallo melodico, solare ed incline alle leggere sfumature pop di “I’m Pretty Good Looking“; il rosso denso e nervoso del garage-rock di “Hello Operator”; le cupe e profonde vibrazioni blues di “Little Bird”, uno sfondo nero nel quale la batteria di Meg richiama dal nulla improvvisi lampi di luce bianca ed accecante; le suadenti figure blu che entrano in scena nella ballata teatrale “Apple Blossom”.

“De Stijl” amplifica le nostre percezioni sensoriali: il suo antico e penetrante profumo blues-rock, il suo approccio lo-fi, la chitarra pulita di Jack White, la sua voce confortevole, l’attitudine punk-rock, un approccio beatlesiano alle melodie, fanno sì che la nostra retina riesca a catturare immagini che normalmente ci sfuggono o che riusciamo a percepire solamente per pochi istanti. Visioni essenziali e geometriche, linee verticali ed orizzontali che si incontrano nello spazio dominato da due, tre colori primari. C’è qualcosa di potente e misterioso in queste rappresentazioni visuali, evocate dalla musica della band americana; si tratta, in fondo, delle stesse leggi che governano il nostro Universo, ma che qui assumono una forma diversa: più plastica, più razionale, più sostanziale, ma non per questo priva di quello slancio emotivo e passionale che caratterizza gli esseri umani. Slancio che ritroviamo nelle romantiche e suggestive atmosfere di “Sister, Do You Know My Name?” o nel fuoco struggente, minaccioso e rockeggiante di “Why Can’t You Be Nicer To Me?”. La fine del disco è affidata al blues di “Your Southern Can Is Mine”, un blues semplice e veritiero che arriva dritto al cuore, come spesso avviene con i White Stripes, e che ha il significativo effetto di farci sentire meno soli ed abbandonati a noi stessi in questo immenso e sterminato quadro che è l’Universo.

Pubblicazione: 20 giugno 2000
Durata: 37:31
Dischi: 1
Tracce: 13
Genere: Punk Blues, Garage Rock
Etichetta: Sympathy For The Record Industry
Produttore: Jack White
Registrazione: 1999-2000

1.”You’re Pretty Good Looking (For a Girl)” – 1:49
2.”Hello Operator” – 2:36
3.”Little Bird” – 3:06
4.”Apple Blossom” – 2:13
5.”I’m Bound to Pack It Up” – 3:09
6.”Death Letter” – 4:29
7.”Sister, Do You Know My Name?” – 2:52
8.”Truth Doesn’t Make a Noise” – 3:14
9.”A Boy’s Best Friend” – 4:22
10.”Let’s Build a Home” – 1:58
11.”Jumble, Jumble” – 1:53
12.”Why Can’t You Be Nicer to Me?” – 3:22
13.”Your Southern Can Is Mine” – 2:29

 

Diamo un’occhiata a ...

E’ un piatto ricchissimo quello che i fan dei Menswe@r possono gustarsi con l’acquisto di questo cofanetto edito da Edsel. ...

Oggi “Hybrid Theory” ...

Nell’anno 2000 in tutto il mondo impazzava la voglia di nu metal, una nicchia musicale ormai diventata molto grande (ma pur sempre una ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Mellon Collie And The ...

L’articolo, che riproponiamo oggi, in realtà risale al 2015. Fu scritto in occasione dei 20 anni dell’abum… Nel 1995 ...

Oggi “Stories from the City, ...

Di Polly Jean Harvey abbiamo imparato nell’arco di una carriera ormai quasi trentennale (il suo singolo d’esordio ...