HUGOMORALES
Oceano

[ Tazzina Dischi - 2020 ]
7.5
 
Genere: cantautorato-indie
Tags:
 
26 Giugno 2020
 

Chiamarsi Hugo Morales significa, in primo luogo, essere già nelle orecchie di tanti, anche se in pochi conoscono il tuo nome: Morales, infatti, è la colonna sonora di uno dei gol più iconici della storia del calcio moderno, essendo il telecronista del “Gol del Secolo” oltre che di quella mano galeotta di Diego Armando Maradona contro l’Inghilterra ai Mondiali ’86,  rete a metà tra il ghigno beffardo e l’urlo di rivalsa di un’intera nazione impegnata a soffiar via la Coppa del Mondo a quelli che erano visti come i pronipoti dei colonialismo britannico, in romantico e sudamericanissimo slancio rivoluzionario.

Ed è un po’ questa la sensazione che coglie l’ascoltatore alla prima riproduzione di “Oceano”, il secondo disco di Hugo Morales per Tazzina Dischi: quella di aver già sentito, vissuto e divorato ognuna delle nove tracce dell’album, perché preesistenti in una dimensione empirea, lontana, sognante della nostra sub-coscienza; e allora, ad ogni brano scattano una serie di rimandi a galassie lontane, fatte di sintetizzatori, sonorizzazioni di film muti, psichedelia e raduni hippy, mentre all’orizzonte si delinea l’alba di una nuova Isola di Wight nei ventisei minuti di viaggio attraverso un allucinato (e come altro poteva essere?) ritorno negli anni Settanta.

Ed è così che, seduto sulle rive del tuo ascolto necessariamente onirico, ti sorprendi a guardar sfilare parate di delfini e balene vestite come i Beatles di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, mentre un gruppetto emergente (“ma quelli sono proprio gli Skiantos?!”) sta suonando poco più in là una rivisitazione demenziale di un vecchio brano della Caselli; in preda a deliri da peyote, ti avvicini al bancone di un bar – naturalmente, abusivo – dove un capannello di divinità antiche sta sorseggiando margarita, applaudendo sghignazzante e incantato Afrodite e Calipso, che poco più in là si muovono avvinghiate su ritmi trance sparati da un Moby alle prime armi, ma con le idee già ben chiare. A tenerti ancorato ad una parvenza di realtà, la voce oracolare del telecronista di InghilterraArgentina che intona testi strani, ma certo meno assurdi di tutta la visione circostante.

Risvegliarsi, alla fine di questa mezz’ora di suoni sospesi, canti di pesci, risacche di sintetizzatori e loop lisergici è shock non da poco, ma il miracolo della tecnologia – nell’era del rialzo dei costi di ogni offerta del mercato (esperienze allucinogene comprese) – rende possibile ritornare al punto d’inizio e ripetere da capo quel trip musicale che è “Oceano”, schiacciando semplicemente il tasto play.

Ottimo ritorno per il cantautore umbro, che sforna un album pronto a rivelasi ottimo sostitutivo al consumo di visioni in pillole, perché certe cose rimangono magiche solo negli anni in cui la magia era tutto intorno, e in primis sui palchi; tutto il resto, è nostalgismo. Certo che dentro “Oceano”, di nostalgia, ce n’è tanta, ma proposta in maniera leggera, intelligente e mai emulativa; e allora Hugo Morales torna ad confermarsi voce di un passato che ci appartiene, anche se a volte ne dimentichiamo il nome.

Tracklist
1. La pesca degli umani
2. Pesci in quarantena
3. Feroce
4. Tracheotomia
5. Missione Delfino
6. In piedi sulle pinne
7. Calypso senza pietà
8. Il canto delle balene
9. Afrodite
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...