OGGI “MIRROR BALL” DI NEIL YOUNG COMPIE 25 ANNI

 
27 Giugno 2020
 

Pochi artisti sanno mettersi in discussione come Neil Young che a metà anni novanta era reduce dagli esperimenti sonori di “Sleeps With Angels”. La morte di Kurt Cobain l’aveva profondamente turbato e la decisione di prendere sotto la sua ala protettrice “l’altra” band simbolo di quel periodo fertile e caotico non sembrava una cattiva idea.

Sono quattro quinti dei Pearl Jam (Stone Gossard, Mike McCready, Jeff Ament e Jack Irons) infatti ad accompagnarlo in “Mirror Ball” registrato in due brevi sessioni nell’inverno del 1995 a Seattle col coordinamento e l’attiva partecipazione di Brendan O’ Brien, all’epoca produttore di fiducia dei PJ.

Il dodici gennaio Eddie Vedder aveva introdotto Neil Young nella Rock And Roll Hall Of Fame e “Act Of Love” era stata una delle canzoni suonate per celebrare l’evento. Un piccolo antipasto dell’album che sarebbe uscito in estate: alcuni brani erano già stati scritti e necessitavano solo di una robusta cura a base di triplice chitarra – basso – batteria, altri sono stati composti durante le registrazioni.

L’affiatamento, la chimica tra “zio” Neil e i suoi nipoti putativi era ed è evidente in ogni nota. Cavalcate come “I’m the Ocean” o “Big Green Country” non hanno nulla da invidiare a brani ben più famosi della carriera del musicista canadese che qui torna anche a parlare di temi a lui molto cari come ambientalismo e pacifismo (“Throw Your Hatred Down”) in cinquantacinque minuti che non hanno mai perso il gusto fresco di una gigantesca jam session come dimostrano la spontaneità di “Downtown” o l’accorata “Scenery”.

Tocca a “Fallen Angel” nuovo, estremo e disperato saluto al fantasma di Cobain evocato in “Sleeps With Angels” il compito di chiudere un disco che è ricordato con piacere da tutti i musicisti coinvolti, dai tanti che hanno avuto la fortuna di incontrarlo lungo la strada e da chi l’ha visto dal vivo durante le undici date di un grintoso tour europeo.

Data di pubblicazione: 27 giugno 1995
Registrato: 26 -27 gennaio – 7 – 10 febbraio 1995, Bad Animals Studios (Seattle)
Tracce: 11
Lunghezza: 55:31
Etichetta: Reprise / Warner
Produttori: Brendan O’ Brien

Tracklist

1. Song X
2. Act of Love
3. I’m the Ocean
4. Big Green Country
5. Truth Be Known
6. Downtown
7. What Happened Yesterday
8. Peace and Love
9. Throw Your Hatred Down
10. Scenery
11. Fallen Angel

 

Oggi “L.A. Woman” dei ...

“L.A. Woman” e il sipario si chiude. Si torna a casa per sempre. Il sesto e ultimo disco dei The Doors, non voglio minimamente ...

Oggi “The Fall” dei ...

Non ci si potrà mai stancare della poliedricità di Damon Albarn: oramai siamo abituati a vederlo aprire un nuovo progetto musicale, ...

Oggi “Just Enough Education ...

Dopo il Brit Award come miglior band emergente, grazie anche all’esordio con “Word Gets Around”, e la cima della UK Chart ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Evil Empire” dei ...

Fu Reagan ad utilizzare, per la prima volta, nel 1983, l’espressione “impero del male” in riferimento alle pressioni ...