KIDBUG
Kidbug

[ Joyful Noise Recordings - 2020 ]
8
 
Genere: Alternative Rock, Grunge, Shoegaze
Tags:
 
1 Luglio 2020
 

Una storia d’amore può anche essere l’occasione per formare una band. Marina Tadic la conosciamo per il suo lavoro negli Eerie Wanda, la band dove l’artista olandese-croata ci ammalia con la sua dolcissima voce, lisergica, “dreamy”, pregna di mistero e leggerezza. L’altro protagonista della love story è Adam Harding che con il suo progetto Dumb Numbers viaggia attraverso universi musicali molto più pesanti (doom, heavy metal e via dicendo). Dall’incontro di questi due generi così divergenti nascono i Kidbug e il loro omonimo album. Si aggiungono a completare il gruppo Bobb Bruno (basso) dei Best Coast e Thor Harris (batteria) degli Swans.

Il classico fruscio delle frequenze radio che si sovrappongono tra una stazione e l’altra sono il primo respiro dell’album. E’ il momento confuso che precede l’ingresso nel mondo dei Kidbug.  “Now Let’s Go To Sleep” avrebbe potuto essere il perfetto brano di chiusura (e non solo per il titolo) ma la delicatezza della voce di Marina accompagnata dal sovrapporsi di due chitarre grasse, con un suono che ricorda un organo a canne, ci  ipnotizza. Iniziare con “Moonglue”, la loro prima canzone scritta e registrata, avrebbe avuto senza dubbio un significato simbolico diverso  ma questa scelta è micidiale perchè “Now Let’s Go To Sleep” è il preludio a “Lovesick”, un pezzo che arriva dritto a ogni nostra cellula e non fatica più di tanto a convincerti a rimanere e assistere allo spettacolo sino ai titoli di coda.

Ci imbattiamo così negli echi di “Good Inside” che sfociano nel sognante ritornello. Lo shoegaze dalle tinte pop di “Never”. La lisergica “Woozy” con il finale sbeffeggiante che introduce “Theme from Kidbug” con il contrasto tra versi e ritornello e la voce che gioca con il riff della chitarra, sempre accattivante. La sorniona “Together”, la chitarra è pesante e allo stesso tempo solenne e ci porta a conoscere una coppia di pezzi dalle atmosfere orientali: “Stay e “Yesterdays”. L’album si chiude con “Dreamy” con Dave Croler ospite alla batteria che scorazza per il brano a spianare il terreno alle chitarre che trovano lo spazio per infierire, come liberate dalla catene che la voce della Tadic aveva legato intorno a loro per bloccarne l’esuberanza.

Punti deboli? Non ce ne sono. Kidbug è l’album giusto al momento giusto.

Tracklist
1. Now Let's Go To Sleep
2. Lovesick
3. Good Inside
4. Moonglue
5. Never
6. Woozy
7. Theme from Kidbug
8. Together
9. Stay
10. Yesterdays
11. Dreamy
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...