NADINE SHAH
Kitchen Sink

[Infectious Music / BMG - 2020]
7.5
 
Genere: Art Pop
 
6 Luglio 2020
 

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo rivoluzionario. Lasciati alle spalle problemi del mondo come Brexit, guerre e distruzione riflette questa volta sull’eterno dilemma famiglia – carriera che pende come una spada di Damocle sulla vita di molte donne over trenta. Lo fa senza retorica né banalità, provando anzi a uscire dalla marea di ovvietà che spesso si sente su questo tema.

La voce di Nadine Shah, che ha cantato jazz per anni incrociando la strada di una certa Amy Winehouse, non si abbandona a virtuosismi o viaggi di piacere. Morbida, rotonda, baritonale, diventa presto un altro strumento al servizio di brani concepiti come autoscatti, Polaroid che mostrano donne sempre diverse, non dominanti e mai dome.

Gli arrangiamenti di “Kitchen Sink” sono spesso minimali, dissonanti, allergici alla melodia anche quando il tappeto di suoni su cui la Shah si inoltra con sicurezza diventa più complesso (la title track, i fiati che colonizzano la divertente “Club Cougar” e la sarcastica “Buckfast”, “Ukranian Wine”). C’è anche spazio per un lato sperimentale, ben evidente in alcuni brani (“Dillydally”, “Trad” e “Kite”) con momenti vicini alla tradizione mediorientale che ha sempre rappresentato una percentuale importante del DNA musicale di Nadine.

Non è un disco immediato, che conquista subito le orecchie “Kitchen Sink” ma l’idea della Shah non era certo quella di proporre un album accessibile. Provocatorio semmai, sicuramente fuori dagli schemi anche quando emerge prepotente l’amore mai sopito per il jazz avanguardistico e contaminato in “Walk”. Nessuna sorpresa, speriamo non le manchino ascoltatori attenti.

Tracklist
1. Club Cougar
2. Ladies For Babies (Goats For Love)
3. Buckfast
4. Dillydally
5. Trad
6. Kitchen Sink
7. Kite
8. Ukranian Wine
9. Wasps Nest
10. Walk
11. Prayer Mat
 
 

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...

See Maw – A Luci Spente

Non finirà su questi binari il variopinto scenario musicale italiano, scosso nel profondo dalla quarantena – sebbene con qualche ...

Pretenders – Hate For Sale

Il nuovo album dei Pretenders inizia … con un errore. Un’armonica che non prende la strada giusta nella title track dedicata ai The ...

The Chicks – Gaslighter

Sono sempre loro: Natalie Maines, Emily Strayer e Martie Maguire. Le (ormai ex Dixie) Chicks tornano col primo album di inediti dal 2006 ...