HUM
Inlet

[Earth Analog Records - 2020]
7.5
 
Genere: Shoegaze, new-metal, alternative rock, space-rock
Tags:
 
8 Luglio 2020
 

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a sorpresa il 23 giugno scorso sulla piattaforma Bandcamp con un nuovo lavoro, “Inlet”, dal quale si sprigiona una potenza capace di abbattere qualsiasi “sound barrier”!

L’inizio di questo quinto album in studio – che succede dunque all’ottimo “Downward Is Heavenward” del lontano 1998 – è devastante perché nell’opener “Waves” è imbastito tutto il menu del disco che evoca plettrate di tipica impronta “Siamese Dream” dei conterranei Smashing Pumpkins.

L’ambientazione non si discosta, quindi, da quello che siamo stati abituati ad ascoltare da Matt Talbott e soci che sorvolano le più alte vette nineties senza perdere in tutti questi anni di assenza la loro peculiare caratteristica, ovvero la capacità creativa unita alla  imponenza dei loro riffoni di guitar!

A tal proposito, il virtuoso giro di chitarra di “In the den” prepara la scena ai nove minuti di “Desert Rambler” avvolti da una apparente quiete psichedelica ed ipnotica che si contrappone alla “breve” successiva “Step into you” la quale riporta il quartetto di “Stars” in circuiti più rock alternative.

Sebbene il disco si dipani in “sole” otto tracce, il minutaggio è senza dubbio importante ancorché mai noioso o ripetitivo, come ad esempio nel miglior esempio “The Summoning” dove la potenza di fuoco del sound si abbatte come un missile sul muro di chitarre appositamente preparato per l’occasione.

E così, la dura esperienza musicale che gli Hum ci regalano dopo tutto questo tempo continua su territori grunge/post-hardcore con “Cloud City” nella quale nel finale riecheggiano note accelerate che ben potrebbero fare la felicità di Tom Morello.

Nella parte bassa della tracklist risiede il motivo del voto intorno al cerchietto giallo perché brani come “Folding” e, soprattutto, come la closing track “Shapeshifter” – con il suo incedere lento e sofferto – rendono compiuta la reunion di una band che ben ha saputo mettere in piedi un album convincente, senza orpelli e di sicuro interessante.

Bentornati. Davvero.

Tracklist
1. Waves
2. In the Den
3. Desert Rambler
4. Step into You
5. The Summoning
6. Cloud City
7. Folding
8. Shapeshifter
 
 

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...

See Maw – A Luci Spente

Non finirà su questi binari il variopinto scenario musicale italiano, scosso nel profondo dalla quarantena – sebbene con qualche ...

Pretenders – Hate For Sale

Il nuovo album dei Pretenders inizia … con un errore. Un’armonica che non prende la strada giusta nella title track dedicata ai The ...

The Chicks – Gaslighter

Sono sempre loro: Natalie Maines, Emily Strayer e Martie Maguire. Le (ormai ex Dixie) Chicks tornano col primo album di inediti dal 2006 ...