OGGI ” VIENNA ” DEGLI ULTRAVOX COMPIE 40 ANNI

 
11 Luglio 2020
 

“Vienna” è il quarto album degli Ultravox, ed è, allo stesso tempo, il loro primo, una frase che, per quanto paradossale, ha  comunque una sua logica poiché questo lavoro sarà quello che determinerà un cambiamento importante nel loro sound e l’inizio della loro nuova storia.

Quando si parla degli Ultravox capita spesso di sentire due frasi ricorrenti e in antitesi, la prima contiene il nome proprio di città Vienna, del tipo ” Si, certo quelli di Vienna” oppure “Oh si mi piaceva tanto Vienna“, la seconda frase invece contiene il nome proprio di persona John Foxx, del tipo “Si però i veri Ultravox erano quelli con  John Foxx“.

La cosa singolare è che ambedue le frasi sono sbagliate e corrette nello stesso tempo, perché e’ vero che il singolo degli Ultravox “Vienna” è in fondo il loro capolavoro, considerato da molti in Inghilterra come il miglior brano degli anni ’80, così come è vero che i loro primi tre album, fortemente influenzati dalla figura di quel geniaccio di John Foxx, rappresentano, nella loro perfetta miscela di krautrock,  post punk e glam, qualcosa di unico, ma è anche vero che la loro nuova produzione che inizierà con questo loro quarto album e che vedrà John Foxx sostituito da Midge Ure, sarà per diversi album assolutamente alta ed interessante e non si fermerà di certo solo a qualche singolo.

Deve essere chiaro che i primi Ultravox non erano unicamente la band di John Foxx, ma anzi anche gli altri componenti, in particolare Billy Currie, ricoprivano un ruolo importante, per cui quando Foxx finì per esprimere le sue intenzione di cercare una via musicale votata alla ricerca di un sound volutamente freddo e distante, dominato da sintetizzatori e drum machine e libero da ogni connotazione romantica, il divorzio fu inevitabile.

Billy Currie, Chris Cross e Warren Cann erano liberi di percorrere una strada diversa proprio nel periodo nel quale la new wave esprimeva tutta la sua creatività stravagante,  capace di incontrare anche il gusto del grande pubblico.

Dovendo sostituire un pezzo da 90 come John Foxx, la loro scelta cadde su Midge Ure che Billy Currie conosceva per la loro lunga collaborazione all’album d’esordio dei Visage, che riuscirà ad uscire solo  verso la fine dell’anno, e che li vedrà tra l’altro coautori del grande successo internazionale “Fade to Grey”.

Se da un lato il post punk nel 1980 esprimeva la sua grandezza con l’esistenzialismo oscuro dei Joy Division e dei Cure, dall’altro lato si esprimeva in molteplici altre forme tra cui quella romantica, che sarà battezzata new romantic, e nella quale verranno catalogate, spesso con sufficienza, molte band diversissime tra loro come i formidabili Japan, tutta classe ed eleganza, gli Adam and The Ants, coinvolgenti e nuovi,  e altre band tra cui anche i Duran Duran e gli Spandau Ballet degli esordi.

E gli Ultravox? A dirla tutta in questo loro album c’e’ molto del percorso anche di David Bowie e dei Roxy Music, che forse inconsapevolmente rappresentano il passaggio da glam a new romantic, ma anche chiari riferimenti al Krautrock, alimentati dalla produzione di Conny Plank.

Bisogna comunque sottolineare come il brano di apertura “Astradyne” sia un lungo pezzo strumentale e sembra essere una scelta tutto sommato sperimentale alla Tangerine Dream, un’apertura valida ma estremamente pericolosa se l’intenzione era quella di attirare una immediata attenzione sull’album.

Dal secondo brano in poi le cose diventavano però chiarissime, in “New Europeans” entra la voce di Midge Ure e il tratto melodico che finirà per caratterizzare la seconda vita degli Ultravox, gli arrangiamenti ricercati e perfetti capaci di dare una dimensione epica e a tratti barocca del loro sound, un naturale attitudine creativa in grado di affascinare e coinvolgere.

Se i primi due singoli  Sleepwalk” e “Passing Stranger ” cattureranno comunque una certa attenzione, non saranno sufficienti a far esplodere l’album, tale risultato sarà raggiunto solo con l’uscita del 45 giri “Vienna”, che toccherà il primo posto in molti paesi  e farà esplodere l’album a livello mondiale, compresa l’ Italia.

Il bel video decadente, che accompagna la promozione del brano, vede la regia di Russell Mulcahy, famoso per aver diretto video di molti artisti famosi, e per essere l’autore del video musicale più importante e più citato da tutti, quello di “Video Killed The Radio Star” dei Buggles, primo video ad essere trasmesso da MTV USA nel 1981.

Per tutto l’album è evidente la volontà di cogliere il momento dell’età dell’oro della musica inglese e la band ci riesce bene, lasciando tutta la voglia sperimentale al vecchio front man, abbandonandosi a ritmi serrati, a melodie accattivanti, ma non rinunciando a momenti di elettronica tipicamente Krautrock e con chiaro riferimento ai Kraftwerk, cosa abbastanza evidente nel brano “Mr. X”.

Il lavoro è comunque reso indimenticabile anche da altri brani come “Private Lives”, “Western Promise” e la chiusura “All Stood Still”, che vi assicuro all’epoca suonavano nuovi e originali.

“Vienna” resta un capolavoro che segna un’epoca e una delle migliori espressioni della creatività che alimenterà la musica inglese dei primi anni 80.

Track List

1. Astradyne – 7:07 (musica: Currie, Ure, Cross, Cann)
2. New Europeans – 4:01 (testo: Cann – musica: Cross, Cann)
3. Private Lives – 4:06 (testo: Cann – musica: Currie, Cann, Cross)
4. Passing Strangers – 3:48 (testo: Ure – musica: Ure, Cross, Currie, Cann)
5. Sleepwalk – 3:10 (testo: Cann – musica: Cann, Currie, Ure)
6. Mr. X – 6:33 (Cann)
7. Western Promise – 5:18 (testo: Ure – musica: Currie, Ure, Cann, Cross)
8. Vienna – 4:53 (testo: Ure, Cann – musica: Cann, Currie, Ure, Cross)
9. All Stood Still – 4:21 (testo: Cann – musica: Cross, Cann)

Ultravox – Vienna

Data di Pubblicazione 11 luglio 1980
Durata: 43:37
Tracce: 9
Genere: New wave
Etichetta: Chrysalis Records, EMI
Produttore: Conny Plank, Ultravox

 

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Diamo un’occhiata alla ristampa ...

L’archivio di Paul McCartney non è vasto e profondo come quello di Neil Young ma si difende piuttosto bene, regalando ogni tanto ...

Oggi “It’s Great When ...

Ci sono dei dischi che hanno già vinto solo con il titolo. Questo esordio dei Black Grape è uno di quelli. Una band capitanata da Shaun ...

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...