OGGI “CROCODILES” DEGLI ECHO AND THE BUNNYMEN COMPIE 40 ANNI

 
18 Luglio 2020
 

La new wave è una nuvola rosa e azzurra che si staglia sul tramonto del punk lasciando sospesa l’eredità della rivoluzione targata 1977.

Se il post punk vero e crudo inasprisce i toni esasperandoli verso l’hardcore, la new wave sposta il campo di gioco nell’immenso prato verde del pop inglese. Un terreno vasto e difficile dove si gioca perennemente sotto l’ingombrante ombra dei Beatles.
Liverpool alla fine degli anni ’70 è una città che musicalmente ha perso attrattiva, una città che ha lasciato il testimone a Londra e Manchester. Ed è proprio sullo scadere degli anni ’70 che a Liverpool il giovane Ian McCulloch (detto Mac), insieme all’ottimo chitarrista Will Sergeant e a una drum machine chiamata Echo, dà vita a un piccolo collettivo che, con l’arrivo poi del bassista Les Pattinson, prenderà le sembianze e la struttura primordiale degli Echo & the Bunnymen.
Poco prima di registrare il primo album “Crocodiles” la povera Echo viene sostituita dall’ultimo Bunnyman: il batterista in carne ed ossa Pete De Freitas.

Il primo disco degli Echo & the Bunnymen “Crocodiles” è un manifesto della new wave che inaugura gli anni ’80 ingaggiando una nuova gara su toni più pop.

La new wave degli Echo & the Bunnymen è un pop, molto british, che rimarrà nel DNA di band successive come i Radiohead e i primi Coldplay. Un pop cupo e dalle atmosfere sinistre che scorre intorno alla voce profonda e soulful di Ian McCulloch.

“Crocodiles” si muove su terreni molto fertili che frutteranno la fortuna di band come gli U2. La chitarra di Will Sergeant è la protagonista dell’opera (insieme alla voce di Mac), caratterizzando il sound acido e nervoso della band. “Crocodiles” è ancora un disco “suonato” dove si preferiscono le chitarre ai synth e alle ritmiche rullanti e marziali tanto in voga poi nella new wave successiva. Chitarre che diventano cristalline in brani come “Stars Are Stars” e “Monkeys”.
La traccia “Pride” è un brano hard rock con la voce di Mac che rievoca molto quella di Jim Morrison per estensione, cadenza e timbro. Voce che ritorna anche nella title track “Crocodiles”, qui supportata da un basso molto dub e incalzata da aperture di chitarra caratterizzate da pennate calde, ma allo stesso tempo schelettriche e sinistre.

Il disco scorre e le canzoni si susseguono seguendo una vitale ispirazione che anima tutta l’opera dalle radici. Il sound è acustico, ma forte, pestato. La voce di Ian McCullogh ci conduce in anfratti sonori da scoprire.
Gli strumenti e la bussola degli Echo & the Bunnymen sono da trovarsi nell’hard rock e nella psichedelia precedente, un passato ricco e sfaccettato che ha saputo ancora fruttare nuove tendenze e indicare nuove direzioni a chi aveva il talento e la sensibilità per coglierle e dirigerle.

Paradossalmente il primo disco della band di Echo, una drum machine, è un disco molto umano e senza drum machine. “Crocodiles” è sicuramente una pietra miliare che ha saputo spalancare una porta su nuove praterie inesplorate ricche di opportunità. Non il miglior disco degli Echo & the Bunnymen, ma sicuramente la chiave di volta per tutto il mondo new wave che verrà, e anche per gli stessi Echo and the Bunnymen.

Echo & the Bunnymen – Crocodiles

Data di pubblicazione: 18 luglio 1980
Durata: 37:03
Tracce: 10
Etichetta: Korova Records
Produttore: Ian Broudie & The Charmeleons

Tracklist:

Lato 1
  1. Going Up – 3:57
  2. Stars Are Stars – 2:45
  3. Pride – 2:41
  4. Monkeys – 2:49
  5. Crocodiles – 2:38
Lato 2
  1. Rescue– 4:26
  2. Villiers Terrace – 2:44
  3. Pictures on My Wall – 2:52
  4. All That Jazz – 2:43
  5. Happy Death Men – 4:56

 

 

The Other Side: Autechre – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Oggi “Once Upon a Time” dei ...

Abbiamo recentemente analizzato le origini post-punk di uno dei gruppi pop di maggior successo degli anni ’80, i Simple Minds di Jim ...

Oggi “Boy” degli U2 ...

“Boy”, il primo disco degli U2, è il disco dell’adolescenza ed anche dell’innocenza, espressa dagli occhi di Peter ...

Oggi “Love” dei The ...

Ho spesso associato l’ascolto di “Love” con almeno altri quattro dischi ovvero “The Crossing” dei Big Country, “Strenght” ...

Oggi “Chocolate Star Fish and ...

Irriverenti, puerili, volgari, stupidi, ripetitivi… queste le principali accuse mosse al quintetto di Jacksonville, Florida che a ...