OGGI “BACK IN BLACK” DEGLI AC/DC COMPIE 40 ANNI

 
25 Luglio 2020
 

Death by misadventure”, così le autorità definirono la tragica morte di Bon Scott. Era una fredda notte di Febbraio e la band australiana si ritrovò, improvvisamente, senza il suo carismatico cantante. Gli AC / DC, però, erano un’idea che andava oltre la semplice band o la creazione di un disco di successo, erano una creatura vivente, con un proprio corpo ed una propria anima, intrisa di riff selvaggi e rumorosi, erano un modo di rapportarsi alla vita, di stringerla forte e di guardare in faccia alla morte senza alcun timore, erano qualcosa che non sarebbe mai finito per una drammatica disavventura. Ciò spinse i fratelli Young a non arrendersi, ma ad iniziare subito quelle audizioni che li portarono a intrecciare il proprio cammino con quello di un cantante di Newcastle: Brian Jhonson.

Back In Black”, nacque come un omaggio a Bon, ma fu subito evidente che quel disco era molto di più, qualcosa che sarebbe rimasto scolpito nel cuore di tutti gli amanti del rock. Aveva in sé il tocco gelido, inatteso e sfuggente della Morte; era pieno di immagini e sapori dei bei tempi andati, dell’immediatezza, della semplicità e della potenza dell’hard-rock più irriverente e dannato, mescolato ad un approccio all’esistenza irriguardoso ed apparentemente strafottente, ma che, in realtà, era semplicemente più consapevole, più disinvolto, più diretto, più veritiero, più deciso a prendersi tutto e subito, senza perdere nemmeno un briciolo della propria sensibilità umana ed artistica, senza alcuna remora a percorrere strade alternative: a lasciarsi trasportare dal blues più polveroso e dolente o ad abbracciare le sognanti melodie pop, radiofoniche ed accattivanti, che stavano penetrando nel nuovo decennio.

Sono le campane infernali di “Hells Bells” ad aprire l’album, mentre un cielo oscuro vomita i suoi improvvisi lampi sulla Terra e la pioggia cade imperterrita tutt’intorno a noi, quasi a volerci rammentare che, per quanto ci affanniamo, per quanto ci sforziamo a migliorare il nostro futuro e a prevedere ciò che potrebbe accadere domani, tra un mese o magari tra un anno, invece, è tutto così fragile, tutto così passeggero, tutto così temporaneo ed imprevedibile. I toni si fanno più ariosi e leggeri con la successiva “Shoot To Thrill” piena di carnali e sfrontate sonorità heavy blues, mentre “Given The Dog A Bone” si trasforma in un inno eterno alla malizia e alla passionalità, che deve poter esser finalmente libera di esprimersi in qualsiasi forma ci possa dar piacere e ci faccia stare bene. Il modo migliore per celebrare la perdita di un amico, per gli AC/DC, è celebrare la vita, ogni suo singolo respiro: è questa l’essenza di questo disco e della canzone omonima. Una vita celebrata proprio attraverso i suoi ritmi frenetici, i suoi impeti travolgenti, i suoi inattesi e caotici ritorni, le sue fughe, i suoi addii, le sue derive più autolesioniste e distruttive, senza più preoccuparsi di ciò che ci attende oltre, dell’inferno che sta brucia o ghiacciando, perché l’unica cosa che conta a questo mondo, in fondo, è che il rock ’n’ roll non morirà mai. Mai.

Pubblicazione: 25 luglio 1980
Durata: 41:31
Dischi: 1
Tracce: 10
Genere: Hard Rock
Etichetta: Atco Records
Produttore: Robert John “Mutt” Lange
Registrazione: aprile-maggio 1980

1.Hells Bells – 5:13
2.Shoot to Thrill – 5:18
3.What Do You Do for Money Honey – 3:36
4.Given the Dog a Bone – 3:32
5.Let Me Put My Love Into You – 4:15
6.Back in Black – 4:16
7.You Shook Me All Night Long – 3:30
8.Have a Drink on Me – 3:59
9.Shake a Leg – 4:06
10.Rock and Roll Ain’t Noise Pollution – 4:15

 

Uscito per il Record Store Day, ...

di Stefano Bartolotta La leggenda di “The Dead Flowers Reject” inizia il giorno del decimo anniversario di “Six”. Quel giorno, Paul ...

Oggi “LP” dei Mambassa compie ...

Dieci anni fa i Mambassa pubblicavano l’album numero cinque (recensito qui) che si è un po’ perso tra faldoni e cartelle, pile di ...

Diamo un’occhiata a ...

E’ un piatto ricchissimo quello che i fan dei Menswe@r possono gustarsi con l’acquisto di questo cofanetto edito da Edsel. ...

Oggi “Hybrid Theory” ...

Nell’anno 2000 in tutto il mondo impazzava la voglia di nu metal, una nicchia musicale ormai diventata molto grande (ma pur sempre una ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...