OGGI “COSMO’S FACTORY” DEI CREEDENCE CLEARWATER REVIVAL COMPIE 50 ANNI

 
25 Luglio 2020
 

Sono sempre più convinto che la qualità e il talento, se sono davvero tangibili e dirompenti, portino sempre un artista a emergere. Sempre.

Creedence Clearwater Revival non facevano musica di moda. Riproponevano a fine anni ’60 un rock n’ roll ormai vetusto mischiato con del country rock sicuramente non all’ultimo grido.
Esteticamente John Fogerty e compagni erano, diciamolo pure, degli sfigati. Vestivano camice a quadrettoni, si presentavano trasandati e con un cipiglio da scazzo che decisamente non li rendeva paragonabili al fascino maledetto di un Iggy Pop, di un Jim Morrison, all’intrigante stranezza spiazzante di un David Bowie o alla cura maniacale di un Mick Jagger o di un John Lennon. Eppure, nonostante queste premesse da mediocri, i Creedence Clearwater Revival hanno conquistato il rispetto dei giganti della musica a loro contemporanei e hanno letteralmente sfondato le classifiche di vendita di tutto il mondo e arruolato tra le loro file folte schiere di critici musicali entusiasti. Tutto questo perché? Perché la musica dei Creedence Clearwater Revival è di qualità, ha personalità e arriva a tutti lasciando sempre una sensazione piacevole. Fine.

“Cosmo’s Factory” è il quinto disco dei Creedence Clearwater Revival ed è un exploit che quasi nessuno poteva prevedere.
Creedence erano all’apice del successo ed erano stati molto prolifici pubblicando ben quattro album in studio in solo due anni. Cos’altro ci si poteva aspettare? Prima o poi la creatività sarebbe arrivata a una fisiologica saturazione e il livello, la qualità compositiva, si sarebbe inevitabilmente appiattito. E invece… come un atleta fuoriclasse che all’apice di un salto riesce con un colpo di reni a elevarsi in sospensione, così i Creedence Clearwater Revival si elevano in sospensione cacciando fuori il loro miglior disco di sempre: “Cosmo’s Factory” per l’appunto, una pietra miliare che entra di prepotenza, ma con naturalezza, nella hall of fame del miglior Rock di tutti i tempi.

“Cosmo’s Factory” è un disco che scorre con fluidità ed è capace di donare all’ascoltatore una vasta gamma di sensazioni grazie alla ricchezza di suoni e alla personalità dei brani che si alternano incastrandosi alla perfezione in un interessante coacervo di bluesrock n’ roll e country. Il brano “I Heard It To The Grapevine” è un’eccellente cover di Marvin Gaye che mette alla prova i Creedence Clearwater Revival anche sul terreno più black del soul.

Ogni traccia del disco meriterebbe un paragrafo, anzi, un capitolo a parte, per quanto sono rimasti monolitici nel tempo i brani che compongono questo capolavoro, a più di 50 anni dalla loro composizione.
La traccia su cui focalizzerei l’attenzione è ovviamente “Who’ll Stop The Rain”, la più bella canzone dei Creedence e uno dei brani più famosi della storia della musica moderna. In “Who’ll Stop The Rain” i Creedence affrontano il tema della guerra nel Vietnam in maniera rilassata, disarmata. L’album intero è permeato di critica alla allora attiva campagna militare americana. Nel brano “Run Through The Jungle” la critica prende forme manifeste, ma in tutto il disco aleggia, come in quasi ogni opera d’arte americana e non solo di quegli anni, la rabbia e l’incredulità scaturite da un episodio così nefasto e inaccettabile della storia contemporanea.
La chitarra acustica e le liriche aperte e meravigliosamente armonizzate fanno di “Who’ll Stop The Rain” un brano unico e speciale, una vera hit eterna.

25 luglio 1970. Una bella data tonda.
25 luglio 2020. Una data davvero molto tondeggiante.
50 anni fa usciva “Cosmo’s Factory”.
Io credo che non sia passato un solo anno della mia vita in cui non abbia ascoltato almeno una canzone proveniente da questo disco, e credo di non essere l’unico, e credo che non sarò l’unico.

Per almeno altri 50 anni ancora.

Pubblicazione: 25 luglio 1970
Durata: 42:28
Dischi: 1
Tracce: 11
Genere: Rock, Southern rock, Roots rock, Country rock, Blues rock
Etichetta: Fantasy Records
Produttore: John Fogerty
Arrangiamenti: John Fogerty
Registrazione: 1969-1970, Wally Heider’s Studio (San Francisco, California)

Lato A

1. “Ramble Tamble” 7:09
2. “Before You Accuse Me”  3:24
3. “Travelin’ Band” 2:07
4. “Ooby Dooby” 2:05
5. “Lookin’ Out My Back Door” 2:31
6. “Run Through the Jungle” 3:09

Lato B

1. “Up Around the Bend” 2:40
2. “My Baby Left Me” 2:17
3. “Who’ll Stop the Rain” 2:28
4. “I Heard It Through the Grapevine”  11:05
5. “Long as I Can See the Light” 3:33

 

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Suburbs” ...

Il terzo disco è spesso quello che indirizza il giudizio retrospettivo su tutte quelle band che hanno disgraziatamente avuto la sventura di ...

Oggi “Thirteen Tales From ...

Usciva esattamente vent’anni fa l’opera che, seppur per breve tempo, suggellò i Dandy Warhols tra i massimi alfieri dell’indie rock. ...

Oggi “Kaleidoscope” di ...

La diva oscura che ha ispirato e a sua volta si ispira alle dame sinistre del gotico, imprigionata però in contesti suburbani, allo scadere ...

The Other Side: Taylor Swift ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...