CRACK CLOUD
Pain Olympics

[ Not On Label (Crack Cloud Self-released) - 2020 ]
8
 
Genere: Art Rock, Post Punk
Tags:
 
27 Luglio 2020
 

Primo vero album dei Crack Cloud, band canadese composta da sette elementi più o meno fissi, ma che in realtà si presenta come un collettivo aperto e in continua evoluzione, nel quale la musica e l’arte in generale diventa mezzo di recupero e di allontanamento dalle dipendenze.

La band ha all’attivo un precedente omonimo album, che raccoglieva alcuni EP, che aveva dato buone impressioni, ma con questo nuovo lavoro il passo in avanti è notevole. Il gruppo ci propone un sound maturo, pieno e coinvolgente, e un’ immagine iconografica precisa, che sembra uscire da un videogame post apocalittico stile “Fallout”, che appare davvero divertente e in linea con loro.

Alcuni hanno trovato qualche riferimento ai Talking Heads, e in qualche brano in effetti vengono in mente, ma questi ragazzi hanno un approccio diverso, il loro sound ha una dimensione a tratti oscura e lontana dalla ricerca musicale di David Byrne e soci, che esprimevano una new wave nella quale la fusione del pop, del rock, del funk veniva cercata tramite una sperimentazione sempre ben riuscita e capace di creare un sound spesso solare e limpido.

Con i Crack Cloud ci sporchiamo le mani e in cambio non otteniamo certezze sul loro futuro e sulla loro musica, esprimono un’ idea di libertà e un’anarchia tipicamente punk, capace però di trasformarsi in un album assolutamente vero, musicalmente molto interessante e valido.

Un collettivo che dichiara di volersi esprimere in diverti campi artistici, si auto produce i video musicali e si mostra in tutta la sua stravaganza, capace di una capacità creativa sfrenata e senza vincoli.

Il brano di apertura  “Post Truth (Birth Of A Nation)” è un inizio formidabile, anarchia musicale costellata da cori, costruzione di un punk spaziale, così come la nuova versione di “Bastard Basket”, ripetitivamente sorprendente con tanto di finale con fiati jazzeggianti e un retrogusto che sa di Radiohead.

L’album ha tante sfaccettature che rischiano di passare inosservate e farsi fagocitare dai riferimenti post punk, come avviene per “The Next Fix (A Safe Space)”, pezzo trainante e coinvolgente nel quale rap, funk, voci alterate e cori costruiscono il brano migliore.

Non si può non citare “Ouster Stew” con chiari riferimenti alla new wave americana,  “Tunnel Vision”  brano che supera i quattro minuti e nella seconda parte è irresistibile e il pezzo di chiusura “Angel Dust (Eternal Peace)”, che nella sua costruzione sognante sta a rappresentare una sorte di rinascita e di allontanamento dagli eccessi, grazie al potere, in questo caso salvifico, della musica.

I Crack Cloud fanno centro, raccolgono varie influenze musicali e le trasformano in maniera personale, riescono, attraverso la ricerca di  una propria visione di creazione collettiva e comunità artistica aperta, a costruirsi un’ immagine affascinate che finisce con il differenziarla da tutte le altre band in circolazione.

In conclusione, ci regalano un album che non possiamo fare a meno di apprezzare e consigliarvene l’ascolto.

Credit foto:  PRESS PHOTOS © 1993-2020 Powerline Agency

Tracklist
1. Post Truth (Birth Of A Nation)
2. Bastard Basket
3. Somethings Gotta Give
4. The Next Fix
5. Favour Your Fortune
6. Ouster Stew 02:21
7. Tunnel Vision
8. Angel Dust (Eternal Peace)
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...