THE CHICKS
Gaslighter

[Columbia – 2020]
7.5
 
Genere: Country, pop
 
29 Luglio 2020
 

Sono sempre loro: Natalie Maines, Emily Strayer e Martie Maguire. Le (ormai ex Dixie) Chicks tornano col primo album di inediti dal 2006 dopo una pausa di riflessione, progetti paralleli, tour e l’onda lunga dell’opposizione al presidente Bush e alla guerra in Iraq che ha provocato una marea di critiche, minacce, fino ad arrivare a un vero e proprio boicottaggio da parte di numerose radio a stelle e strisce.

Problemi che non hanno impedito al trio texano di incidere dischi e vincere premi, anche se molte stazioni radiofoniche hanno faticato a perdonare (diciamo così) le Chicks, come le polemiche in occasione delle collaborazioni con Beyoncé e Taylor Swift hanno purtroppo dimostrato. Il recente cambio di nome è stato invece accolto con meno enfasi e la notizia della pubblicazione di “Gaslighter”, annunciata poi rimandata di alcuni mesi, ha generato molta curiosità.

Produce Jack Antonoff, abilissimo come sempre a modernizzare il sound di ogni artista rendendolo appetibile alle classifiche senza snaturarlo. Il country bluegrass delle Chicks diventa un filo più pop, acquista un tono fresco che non distoglie l’attenzione dai temi spinosi trattati in dodici brani parzialmente influenzati dalla fine pubblica e burrascosa del matrimonio di Natalie Maines.

Tema che torna spesso quello del divorzio, affrontato ora con rabbia (“Gaslighter”, “Tights On My Boat”) ora con dolore (“Sleep At Night”, “Set Me Free”) e un filo di tristezza (“My Best Friend’s Weddings”) da una Maines che si mette completamente a nudo, fragile e autobiografica come mai prima. Le melodie costruite insieme a Emily Strayer e Martie Maguire sono cristalline e rappresentano il lato ottimista di un album che vuole soprattutto guardare avanti con grinta.

Nulla di nuovo rispetto al passato, arrangiamenti frizzanti in cui trovano spazio banjo, mandolino, violino, chitarre suonati con una rinnovata consapevolezza che riveste una ballata come “Everybody Loves You” accarezzata dal piano e i ricordi di “For Her”, il presente di “Julianna Calm Down” e il futuro di “Young Man”. Non è un disco triste “Gaslighter”, sofferto casomai e con una coscienza sociale ben presente in “March March”. Dal personale al politico, un bel sentire.

Tracklist
1. Gaslighter
2. Sleep At Night
3. Texas Man
4. Everybody Loves You
5. For Her
6. March March
7. My Best Friend’s Weddings
8. Tights On My Boat
9. Julianna Calm Down
10. Young Man
11. Hope It’s Something Good
12. Set Me Free
 
 

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...

See Maw – A Luci Spente

Non finirà su questi binari il variopinto scenario musicale italiano, scosso nel profondo dalla quarantena – sebbene con qualche ...

Pretenders – Hate For Sale

Il nuovo album dei Pretenders inizia … con un errore. Un’armonica che non prende la strada giusta nella title track dedicata ai The ...

Kidsmoke – A Vision In The ...

E’ realmente un peccato che gemme indie-pop di tale valore corrano il rischio di passare inosservate. I Kidsmoke sono da parecchio sui ...