“CERCANDO UNA CASA PER ME HO TROVATO UNA CANZONE”: CARL ANTHONY LORENZ CI PARLA DEL SUO NUOVO SINGOLO “IN QUESTA CASA”

 
8 Agosto 2020
 

È uscito in digitale e in radio “In Questa Casa”, il nuovo singolo di Carl Anthony Lorenz, pseudonimo del cantautore e polistrumentista vicentino Lorenzo Carlana. Il brano, scritto dallo stesso Carl e prodotto artisticamente da Alessandro Alosi (Il Pan del Diavolo, Alosi), sarà accompagnato dal videoclip, in uscita a breve.

Raccontaci della tua storia in musica, qual è stata la scintilla che ha fatto partire il tutto?
Sono cresciuto guardando film come Blues Brothers e Ritorno al Futuro, questo penso abbia contribuito alla mia formazione, anche se la vera e propria scintilla è arrivata nel 1999 con “Californication” dei RHCP. Sentendo quel disco mi sono detto: “Voglio anch’io fare musica!”.

Qual è l’esigenza artistica che ti ha spinto nel componimento di “In Questa Casa”?
Cercando una casa per me ho trovato una canzone. Delle volte mi succede che iniziando una cosa, alla fine ne finisco un’altra. Tutto è nato quando sono ritornato a Tokyo, mentre stavo cercando casa in Italia, durante la mia ultima tournee con Marco Angelo. Tokyo ormai la sentivo come una seconda casa, ma poi sono dovuto tornare e dentro di me è scattata questa frase: “Ma cos’è davvero casa?”. Verso ottobre mentre stavo cercando ancora casa (aggiungiamo anche una mia ex che alla fine non se ne è mai andata per davvero) ecco che esce fuori “In questa casa”. Questa canzone è una perfetta fotografia del mio settembre/ottobre 2019.

Ci sarà possibilità di vederti dal vivo prossimamente?
Al momento non ho date in programma, in questo momento mi sto organizzando per il 2021.

Come hai vissuto l’esperienza del lockdown? Cosa ne pensi dei live ossessivi degli artisti nelle varie dirette Instagram?
Il lockdown è stata un’esperienza molto particolare, mi ha bloccato sotto il punto di vista creativo. In questo periodo di “sospensione” dalla routine ho passato il tempo con mio fratello e la mia famiglia. Per quando riguarda il live streaming, rispetto molto tutti gli artisti che sono riusciti a trovare una dimensione attraverso questi live a distanza, ma non fanno per me. Ho provato anch’io a fare qualche diretta su Instagram ma ho qualche difficoltà a suonare senza pubblico. Se non sento l’energia del palco non riesco a suonare e sto quindi lavorando molto per riuscire a gestire meglio anche questo tipo di situazioni.

Hai in mente un nuovo album oppure vorresti concentrarti su nuovi concerti?
Al momento sto cercando di scrivere il più possibile. Come già detto, il lockdown è stato un momento difficile per la mia creatività, ma adesso che la situazione sta pian piano migliorando, sto ritrovando nuovi stimoli per scrivere nuove canzoni. Vediamo cosa ne uscirà fuori e se il materiale sarà di qualità mi piacerebbe fare un album.

Dove ti vedi tra dieci anni?
Su un palco con la mia chitarra, magari con accanto una band. Vedo un Carl Anthony Lorenz più posato ma comunque sempre con molta voglia di suonare e di cantare per il suo pubblico.

 

“Un viaggio tra amore e ...

Questa è la storia di una piccola persona che vive la sua piccola vita, alla ricerca di una seconda piccola persona che la comprenda. Il ...

“Un album è una fusione di ...

Il mese scorso Jeremy Tuplin ha pubblicato, via Trapped Animal, il suo terzo LP, “Violet Waves”. Il variegato disco del songwriter ...

Alla ricerca della perfezione pop: ...

Münster chiama e Amsterdam risponde. Potremmo sintetizzare così la nascita dei Nah…. Il tedesco Sebastian Voss cercava una voce ...

“Lo spazio per me ha sempre ...

E’ da poco in ogni store digitale il primo disco di Federico Cacciatori, batterista massese classe ’99: giovanissimo, sì, ma ...

“Non avere distrazioni e cose ...

Fenne Lily è una giovane folk-singer di stanza a Bristol: chi scrive l’aveva conosciuta un paio di anni fa nel Regno Unito, mentre apriva ...