RUFUS WAINWRIGHT
Unfollow the Rules

[ BMG - 2020 ]
8
 
Genere: Cantautore, pop
 
10 Agosto 2020
 

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il cantautore naturalizzato canadese (ma che vive sopra le colline di Los Angeles) ha imboccato nuovamente la via del pop più nobile, quello che agli inizi della sua carriera, inaugurata da un brillante album omonimo, lo aveva fatto emergere fragorosamente come uno degli artisti più interessanti della sua generazione.

Intendiamoci, queste dodici nuove canzoni non reggono il confronto nell’insieme con i suoi capolavori riconosciuti, compresi nel binomio “Want One”/”Want Two” – pubblicati nella prima metà degli anni zero – , ma ci riconsegnano un autore assai ispirato e pienamente ritrovato dopo le divagazioni sinfoniche dell’opera “Prima Donna” e del progetto dedicato ai sonetti di Shakespeare. Lavori ingegnosi e ben strutturati ma molto lontani dalla sua indole e da quell’autenticità che è sempre stata palese nei suoi dischi.

Qui Wainwright è tornato in confini rassicuranti, che nel suo caso tratteggiano comunque lande di terra vaste e policrome.

E’ soprattutto un artista rappacificato ed emotivamente stabile quello che traspare nei solchi di brani intensi e caldi, quali l’iniziale “Trouble In Paradise”, baciata da grazia e innata classe interpretativa, o la multiforme e fluida “Damsel In Distress” che la segue in scaletta e che con i suoi cenni autobiografici ci regala la migliore fotografia dell’album.

L’atmosfera cambia improvvisamente con il brano eponimo, una lunga nenia, a tratti commovente grazie a un delizioso pianoforte che si prende sulle spalle la canzone e a un cantato sublime, in cui il Nostro torna a mettersi a nudo.

La saltellante “You Ain’t Big” – che ha il gravoso compito di venire dopo – appare di contro il pezzo più debole del lotto, mentre già in “Romantical Man” tornano prepotentemente in superficie le peculiarità di un songwriter capace di emozionare a ogni verso.

A mio avviso la prima parte del disco, che vorrebbe fungere da apripista per il fulcro dell’intero lavoro, finisce invece per essere quella più interessante: dalla sesta traccia “Peaceful Afternoon” all’ultima “Alone Time”, vengono infatti confermate le buone intuizioni (e intenzioni) già passate in rassegna, con il picco emotivo da collocare in un brano come “Every Morning Madness”, suggestivo, evocativo, un po’ sinistro ma assolutamente ipnotico e in grado di rapirti.

Ascoltare Rufus Wainwright in registri sonori come questo è puro piacere: seguire la sua incredibile voce che si arrampica, si aggroviglia e poi se ne esce più pulita di prima è una delizia e un’esperienza che fa bene al cuore.

Sarà magari solo una mia impressione ma non mi pare che il suo disco fosse in fondo poi così atteso, e invece zitto zitto, senza molti proclami, Rufus Wainwright ha confezionato uno degli album più affascinanti e raffinati dell’anno.

Tracklist
1. Trouble In Paradise
2. Damsel In Distress
3. Unfollow the Rules
4. You Ain't Big
5. Romantical Man
6. Peaceful Afternoon
7. Only the People That Love
8. This One's For the Ladies (That Lounge)
9. My Little You
10. Early Morning Madness
11. Devils and Angels (Hatred)
12. Alone Time
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...