GUIDED BY VOICES
Mirrored Aztec

[GBV Inc – 2020]
7.5
 
Genere: Power pop
 
31 Agosto 2020
 

Ottimista, pop, brioso ma sempre incredibilmente strano. Così Robert Pollard ha descritto “Mirrored Aztec” nuovo album della corazzata Guided By Voices. Disco numero trenta Pollard dixit, cifra più o meno tonda (sarebbero trentuno in realtà) che non spaventa i GBV capaci di sfornare nuovi brani in media ogni sei mesi. Programma rispettato nonostante la pandemia: “Surrender Your Poppy Field” è uscito lo scorso febbraio e a quei quindici brani possiamo ora affiancare questi diciotto.

Nulla rispetto ai ventiquattro di “Warp and Woof” o ai trentadue di “Zeppelin Over China” usciti l’anno scorso ma pur sempre un numero rilevante. Diversi pezzi hanno debuttato nel lunghissimo, vivace livestream che ha visto protagonisti i GBV (soli e senza pubblico) al The Brightside di Dayton lo scorso luglio. Lì di canzoni ne hanno suonate ben cinquantatre.

“Mirrored Aztec” propone buona parte del vasto campionario a disposizione. Melodie dritte e cristalline, distorsioni presenti ma non prevalenti, le chitarre di Doug Gillard e Bobby Bare Jr. che tessono trame semplici ma ben definite. Due singoli di buon livello: “To Keep An Area” e “Haircut Sphinx”. Brani corti ma non cortissimi (“Easier Not Charming”e “A Whale Is Top Notch” i migliori). Ammonimento riuscito: “The best foot forward is running out of patience with us all” da “The Best Foot Forwards”.

Convincente la arrembante doppietta “Please Don’t Be Honest” – “Lip Curlers”, “Biker’s Nest” da moderato headbanging, “Thank You Jane” la melodia indie che resta in testa. Interessanti “Show Of Hands” (una matrioska che contiene due o tre pezzi in uno) e “Math Rock” che dopo un inizio spiritoso fa sul serio con tanto di coro infantile a rimpolpare il ritornello. Curioso anche il recupero di “Bunco Men” ex esperimento fallito e rarità in circolo da quasi vent’anni.

Nessuna rivoluzione sotto il sole dell’Ohio ma l’ennesima conferma per Robert Pollard e soci che qui indossano l’abito power pop (“Surrender Your Poppy Field” rappresentava invece il loro lato rock). I giorni dei dubbi sul futuro, degli annunci di fine corsa sempre seguiti da successive reunion sembrano ormai molto lontani (meno quelli in cui Pollard tirava una lattina di birra vuota ad altre band ma questa è un’altra storia). “Party Rages On” ed è già noto il titolo della prossima fatica: “Styles We Paid For” pronta per novembre 2020.

Tracklist
1. I Think I Had It, I Think I Have It Again
2. Bunco Men (MA Version)
3. Citizen's Blitz
4. To Keep An Area
5. Easier Not Charming
6. Please Don't Be Honest
7. Show Of Hands
8. Lip Curlers
9. Math Rock
10. Transfusion
11. Biker's Nest
12. A Whale Is Top Notch
13. I Touch Down
14. Haircut Sphinx
15. Screaming The Night Away
16. Thank You Jane
17. The Best Foot Forwards
18. Party Rages On
 
 

Bambara – Stray

Uscito a febbraio dello scorso anno, “Stray” è il quarto album dei Bambara, che arriva dopo meno di un paio di anni dal precedente, ...

Katie Malco – Failures

E’ dal 2010 che Katie Malco pubblica musica e ha già girato l’Europa suonando il insieme a gente come Julien Baker, Bob Mould, ...

Passenger – Songs For The ...

Michael David Rosenberg, meglio conosciuto come Passenger, è tornato con il tredicesimo (sì, avete capito bene), studio album dal titolo ...

Beach Bunny – Blame Game EP

Accordoni e arpeggi jangle, turbamenti adolescenziali, melodie dolciastre che si tuffano in ritornelli fragorosi. La solita vecchia storia ...

A.O. Gerber – Another Place ...

A.O. Gerber è una giovane cantautrice di stanza a Los Angeles e lo scorso maggio è arrivato il suo primo LP, realizzato via Hand In Hive. ...