MOON ATTENDANT
One Last Summer

[Big Potato / Graveface – 2020]
7.5
 
Genere: Psych Rock
 
7 Settembre 2020
 

C’erano una volta i Black Hearted Brother capaci di brillare con un unico disco (“Stars Are Our Home” del 2013) per poi sparire dalla circolazione o quasi. Un vero peccato a cui sette anni dopo hanno deciso di porre rimedio alcuni dei musicisti coinvolti in quel bel progetto estemporaneo. Paul Blewett e Nick Holton uniscono le forze con Danny Molyneux, Kevin Wells e la premiata coppia Neil HalsteadIan McCutcheon (Slowdive, Mojave 3) per un nuovo viaggio tra psichedelia e suggestioni pop.

Gli strumenti utilizzati farebbero la felicità di molti musicofili: oltre alle immancabili chitarre sognanti, basso e batteria, diversi sintetizzatori e tastiere (Moog e Casio pt80) uno stilofono, un minipiano Eavestaff, un organo Tanzanite. Sound orgogliosamente vintage con “Blue” e “R.H.S” che ricordano i Felt di Lawrence Hayward mentre “Hot Power” è la classica cavalcata morbidissima e spaziale. L’unico caso in cui i Moon Attendant si lasciano andare superando i sette minuti di durata in un album che li vede invece più giocosi e meno sferzanti.

“Catch A Train” e “Hammers” strappano un sorriso per il modo smaccato, melodico e riuscito con cui ammiccano alla psichedelia rilassata e colorata dei primi anni sessanta con le chitarre millimetriche che entrano a fine brano a scompigliare le cose. Notevole e immancabile una mini suite strumentale (“Castles Burning”) che apre la seconda metà del disco dove si ascoltano anche i brani migliori: “Sleepy Sleep”, “Lucky Escape”, la caleidoscopica “I Would Like To Teach You”, “Don’t Step Back”.

“One Last Summer” è un allucinato atto d’amore a un periodo musicale e i Moon Attendant si calano completamente nella parte, solidi e ben piantati, precisi e puntuali in un album non esplosivo ma decisamente godibile soprattutto se ascoltato facendo attenzione ai mille piccoli particolari di ogni arrangiamento. Un perfetto esercizio di stile per estimatori del genere e non solo.

Tracklist
1. Blue
2. Hot Power
3. R.H.S
4. Catch A Train
5. Hammers
6. Castles Burning
7. Sleepy Sleep
8. Lucky Escape
9. I Would Like To Teach You
10. Don’t Step Back
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...