THROWING MUSES
Sun Racket

[ Fire Records - 2020 ]
8.5
 
Genere: Indie rock
 
7 Settembre 2020
 

E’ stata una lunga attesa quella del nuovo album targato Throwing Muses. Sette anni sono passati da “Purgatory / Paradise” e la pandemia ha lasciato in dote un ulteriore ritardo di tre mesi. Non si sono certo persi d’animo Kristin Hersh, David Narcizo e Bernard Georges che dopo un trentennio di convivenza musicale si conoscono e si trovano a meraviglia.

La voce roca della Hersh, allenata dagli album solisti e protagonista più che mai, torna a calcare territori rock e distorti. Kristin ha definito “Sun Racket” un disco relativamente tranquillo che l’ha comunque costretta a fare i conti con demoni, paure, ricordi, diavoli rigorosamente senz’anima. I quaderni di appunti prendono vita con un tema che ritorna prepotente: l’acqua amica e diffidente, che bagna e scorre pericolosa.

Dieci brani pieni di immagini vivide e oniriche dove Freddie Mercury diventa un pesce rosso, squali minacciosi si aggirano tra le onde di “Maria Laguna”, il “Bo Diddley Bridge” è sul punto di collassare, Dan è ubriaco al piano di sopra e Kristin Hersh sussurra con rabbia segreti inconfessabili. Chitarre che graffiano in “Dark Blue”, abrasive anche in “St. Charles” e “Frosting”.

Armonie cariche di effetti, cupe, dense che travolgono con un minimalismo stropicciato e vissuto. L’assolo di “Kay Catherine” sinuoso e tenace sembra annunciare un finale di calma poi arrivano le Polaroid di “Sue’s” che ipnotizzano con paesaggi malinconici ed è una serenità parziale, che nulla risolve e molto lascia in sospeso.

Indie rock con il cuore blues elettrico, gli estremi si toccano facendo faville. Un sound in bilico tra “forte rumore e suono di carillon” dal trillo dolce e audace che mantiene alta la tensione. “I don’t regret a single drop of alcohol” recita “Milk At McDonald’s”. Nemmeno l’ascoltatore ha rimpianti alla fine di”Sun Racket”. Soddisfacente in ogni singola nota.

Credit foto: Orrin Anderson

Tracklist
1. Dark Blue
2. Bywater
3. Maria Laguna
4. Bo Diddley Bridge
5. Milk At McDonald’s
6. Upstairs Dan
7. St. Charles
8. Frosting
9. Kay Catherine
10. Sue’s
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...