TRACK: NAPOLEONE
Porta Pacienza

 
12 Settembre 2020
 

Seguo Napoleone da qualche mese: “Amalfi” – la sua penultima pubblicazione – mi aveva fatto spellare le mani dall’entusiasmo per il mix efficace di tradizione e nuovo mainstream che il cantautore campano era riuscito a creare nella fragile e virtuosa alchimia di un brano sentito, sincero e per questo convincente. Ecco, tocca ripetere oggi l’usata liturgia sopradescritta per “Porta Pacienza”, power-up di quella bella realtà che Napoleone è riuscito ad edificare intorno all’orto di casa sua a colpi di coraggio e ruralità, senza per questo rinchiudersi nella miopia domestica di quattro mura abusate di pop e dialetto, anzi.

Sì, perché se è vero che oramai – nell’era del trash istituzionalizzato e del neomelodico universale – il dialetto napoletano non sia più tabù impronunciabile alle orecchie di ascolta musica (e sopratutto, di chi la produce, con intelligenza fin troppo spesso sciacalla), non si può certo ridurre la portata delle sperimentazioni oriunde di Napoleone all’emulazione di trend esistenti: “Porta Pacienza” ha il piglio della hit radiofonica, con un testo ben scritto ed immagini poetiche azzeccate, arricchite in modo emotivo – e non folkloristico – da un ritornello fresco, potente e ad alto livello di mnemonicità, interamente cantato in napoletano; la produzione fa da trampolino, con il suo incedere ritmico incalzante e mai sopito, ad un melodicità che fa uso e consumo della scelta linguistica per dar ancora maggiore forza all’intensità del cantato.

Insomma, il napoletano diventa una cosciente scelta estetica, in Napoleone, e non la deriva del provincialismo o – peggio ancora – uno specchietto per allodole perverse, convinte di essere outsider solo perché capaci di ripetere a memoria (con accento lombardo) qualche parolaccia in dialetto, o l’intera discografia di quel gran furbone di Liberato.

Napoli, per me, è qualcosa che va oltre le mode. Quando il tempo passa i sentimenti restano, perchè quelli no, “non invecchiano quasi mai con l’età”; ecco, allora mi auguro che quando i napoletani occasionali (sì, esistono!) saranno passati di moda ci si ricorderà ancora delle canzoni fatte per raccontare l’emozione, e non il trend; e spero, con tutto il cuore, che tra queste belle melodie sapremo ricordarci anche di quelle cantate da Napoleone.

 

 

 

Gli Sløtface rilasciano il nuovo ...

Gli Sløtface hanno rilasciato ieri un nuovo singolo, “Doctor”, che potete ascoltare nel player Spotify qui sotto. Si tratta di ...

I Supergrass pubblicano un ...

Per festeggiare i 25 anni della band, i Supergrass hanno deciso di pubblicare un nuovo live-album che conterrà materiale registrato nel ...

“Dal Giorno In Cui Sei Nato ...

Andrea Laszlo De Simone ha pubblicato ieri un nuovo singolo, “Da Quando Sei Nato Tu”, che potete ascoltare nel player Spotify ...

Oggi “Washing Machine” ...

Se credete che non sia possibile rimanere per sempre giovani senza morire prematuramente non avete mai ascoltato i Sonic Youth. Il corpo ...

Hayden Thorpe, si intitola ...

Il cantautore e polistrumentista inglese Hayden Thorpe ha annunciato il suo nuovo EP “Aerial Songs” in uscita il prossimo 16 ...