“LA MUSICA è SEMPRE STATA IL NOSTRO SFOGO PER LE EMOZIONI POSITIVE E NEGATIVE.” I CULTS CI PARLANO DEL LORO QUARTO ALBUM

 
Tags: ,
13 Settembre 2020
 

A tre anni di distanza dal loro terzo LP, “Offering”, i Cults stanno per ritornare con un nuovo lavoro, “Host”, in uscita il prossimo 18 settembre via Sinderlyn. Il nuovo disco del gruppo indie-pop di NYC non solo segna il loro decennale come band, ma vede aggiungere nuovi importanti arrangiamenti al loro suono e – per la prima volta – la partecipazione alla scrittura dei brani da parte della frontwoman Madeline Follin. Abbiamo approfittato di questa nuova release per contattarli via e-mail e parlare del nuovo disco e delle novità che esso ha portato, di John Congleton che si è occupato del mixing, dei dieci anni della band, del futuro della musica dal vivo e anche di politica degli Stati Uniti. Ecco cosa ci hanno raccontato:

Ciao, come state? Come è la situazione con il Coronavirus a New York? Il vostro quarto disco uscirà tra pochi giorni: siete contenti che presto la gente lo possa ascoltare?

Ciao, siamo contenti di parlare con te! Va bene considerando le terribili circostanze che ci circondano. Attualmente New York sta andando bene con il virus. Penso che i nostri tassi di infezione siano intorno all’1%. I newyorkesi sono estremamente resilienti ed è sempre sorprendente vedere un gruppo così vivace e diversificato di persone che lavorano insieme per il bene comune. Sappiamo come ci si sente a essere abbattuti e sappiamo come rialzarsi L’impatto sulle piccole imprese è deprimente, ma attraverseremo quel ponte quando potremo farlo in sicurezza.
Siamo entusiasti di pubblicare il nostro nuovo album. Ci abbiamo lavorato molto duramente. Onestamente pensiamo che sia il nostro migliore. Sarebbe stato meglio pubblicarlo mentre il mondo non si trovava nel caos, ma personalmente la musica è sempre stata il nostro sfogo per le emozioni positive e negative. Speriamo che la musica possa aiutare in qualche modo le persone a superare questo momento.

Il vostro nuovo disco si chiama “Host”: da dove proviene questo nome? C’è qualche significato particolare dietro di esso?

L’abbiamo scritto e chiamato così molto prima che l’idea di un “virus host” diventasse qualcosa di famoso. Si trattava più di raggiungere uno stadio della tua consapevolezza quando ti senti abbastanza forte da liberarti delle persone e delle cose che ti stanno prosciugando della tua forza e sanità mentale. Che si tratti di sostanze, persone violente, immagine di sé negativa o qualunque cosa possa essere per te. Li abbiamo provati tutti.

Per il vostro nuovo disco avete lavorato con John Congleton (St. Vincent, Anna Calvi, John Grant, Angel Olsen), che si è occupato del mixing: cosa ci potete dire della vostra collaborazione? Cosa ha aggiunto al vostro sound?

John è un dannato genio. Volevamo lavorare con lui da molto tempo ed eravamo molto entusiasti che ciò potesse accadere. In ogni altro disco che abbiamo fatto siamo stati molto coinvolti nel mixing. Restavamo seduti nella stanza per settimane per cercare di indovinare ogni decisione. Questo disco, che parla di relazioni parassite, non sembrava dare ascolto ai nostri stessi consigli, quindi per la prima volta abbiamo lasciato che John facesse questo lavoro e ci inviasse i mix a distanza. È stata una delle esperienze musicali più gratificanti che abbiamo avuto fino ad oggi. Ascoltare le tue canzoni attraverso le orecchie di qualcun altro, è come ritrovarsi con un bambino che si è perso nel bosco o qualcosa del genere. I brani sono sicuramente tornati con un suono molto più duro, più ruvido intorno ai bordi e ci è piaciuto molto.

Ho letto che per il vostro nuovo album Madeline ha portato la sua musica per la prima volta: è stata un’aggiunta importante per la vostra band?

La sua importanza non può essere sopravvalutata. Le canzoni di Madeline sono molto buone e bilanciano l’album in tanti modi non quantificabili. Sembra che ora, al nostro quarto disco, abbiamo finalmente imparato come farlo nel miglior modo possibile.

In “Host” è possibile ascoltare arrangiamenti più grandi che in passato. Penso che le etichette “indie-pop” e “dream-pop” non siano sufficienti per descrivere il vostro sound: qual è l’etichetta giusta per la tua musica in questo momento? Quanto si è evoluto?

Non ne abbiamo idea! Le persone peggiori a cui chiedere informazioni sul genere sono di solito i cantautori. Pensiamo anche che questo album sia troppo aggressivo per adattarsi a quei generi, ma anche che si adatti bene al nostro catalogo. Questo è il punto centrale per noi. Vogliamo costruire un insieme di lavori che fluiscono insieme. Ogni album fa parte della storia più grande.

“8th Avenue” ha una sensazione cinematografica, mentre in un bel po’ di canzoni del vostro nuovo album ci sono archi e fiati: quali sono stati i più grandi cambiamenti nel vostro suono rispetto a “Offering”?

“Offering” è stato probabilmente il nostro album più elettronico fino ad oggi e la principale causa di ciò può essere attribuita al fatto che abbiamo realizzato l’album da soli nei nostri appartamenti praticamente senza budget. Detto questo, è stato davvero divertente lavorare con quei mezzi in quel momento. Abbiamo iniziato questo disco con molti degli stessi suoni, ma ci siamo subito resi conto che non funzionavano con queste canzoni. Sembrava assurdo portare così tanti strumenti orchestrali, ma abbiamo cercato all’interno del nostro gruppo di amici e ce l’abbiamo fatta!

Di solito cosa viene prima nel vostro processo creativo, la musica o i testi? Quali sono gli argomenti più importanti nei vostri testi?

La musica prima di tutto, quasi sempre. I nostri testi tendono ad essere un mix tra libere associazioni e memorie personali. Cerchiamo di concentrarci su situazioni ed emozioni che non hanno a che fare con l’amore romantico per la maggior parte del tempo. Esistono già molte di quelle canzoni! Ci piace scrivere canzoni su piccole esperienze.

“Host” non è solo il vostro quarto disco, ma segna anche un altro passo importante per voi, dato che i Cults si sono formati dieci anni fa: che cosa significa questo per voi? Quali sono i vostri progetti per il futuro?

È così assurdo, sono già passati dieci anni. Elogiamo e adoriamo assolutamente tutti i nostri fan che ci hanno permesso di continuare così a lungo. Il futuro non sembra molto diverso dal presente! Abbiamo sempre sognato di essere una band che ha realizzato almeno sei album. Il sei sembra il numero in cui hai davvero dato tutto, dopodiché speriamo di fare sette!

C’è una situazione strana per quanto riguarda la musica dal vivo in questo momento: cosa ne pensate del futuro dei concerti? Avete suonato da casa tramite i vostri social media durante il lockdown?

La scena della live music è in gravi difficoltà e il governo deve intraprendere un’azione speciale per aiutarla. L’intero circuito dei tour è un ecosistema così fragile, se una venue vi passa sotto si apre a spirale verso il tipo di percorsi che le band possono prendere e ne sentono le conseguenze decine di altre città. Abbiamo fatto un sacco di stream e sono divertenti, ma non sono NIENTE rispetto a un concerto dal vivo. Purtroppo la musica dal vivo sarà probabilmente l’ultima cosa da riaprire in assoluto. C’è un’associazione di locali chiamata NIVA che sta facendo delle cose davvero fantastiche che ogni americano dovrebbe esaminare.

Ho visto che pubblicherete il vostro nuovo disco anche in vinile: cosa ne pensate di questo formato che è diventato di nuovo cool negli ultimi anni dopo parecchio tempo? Vi piacciono?

Adoriamo il vinile! Nella nostra vita personale entrambi collezioniamo i dischi. È difficile da spiegare, ma il vinile sembra la prova dell’esistenza della musica. È molto bello avere qualcosa di fisico nel nostro mondo digitale.

Qual è la vostra opinione sulle prossime elezioni presidenziali americane? Cosa vi aspettate? Cosa ne pensate dell’attuale clima politico nel vostro paese?

Stiamo cercando di essere ottimisti sul fatto che i sondaggi abbiano ragione questa volta e che Trump perderà. Gli ultimi quattro anni sono stati una rapida discesa delle scale mobili per il nostro paese. Se vuoi essere DAVVERO ottimista puoi dire che ha alcuni elementi positivi. Molti dei bigotti e dei traditori si sono rivelati. L’America non è mai stata un grande paese. Le nostre radici si trovano nella violenza, nel razzismo e nell’impoverimento sistemico. Forse dovevamo toccare il fondo per affrontare noi stessi per quello che siamo veramente e iniziare a costruire il tipo di paese che pretendiamo di essere. Però fa ancora molto male.

Un’ultima domanda: per favore potete scegliere una delle vostre canzoni, vecchia o nuova, da utilizzare come colonna sonora a questa intervista? Grazie mille e spero di vederti presto (forse il prossimo anno) da qualche parte in Europa.

Siamo diventati un po’ oscuri qui, quindi consiglierò “Working it Over” dal nostro nuovo disco. Si trova alla fine del lato A del disco e l’abbiamo sempre immaginata come una sorta di ballata apocalittica. Non perdere la speranza però, gira il disco e la storia continua!

 

Alla ricerca della perfezione pop: ...

Münster chiama e Amsterdam risponde. Potremmo sintetizzare così la nascita dei Nah…. Il tedesco Sebastian Voss cercava una voce ...

“Lo spazio per me ha sempre ...

E’ da poco in ogni store digitale il primo disco di Federico Cacciatori, batterista massese classe ’99: giovanissimo, sì, ma ...

“Non avere distrazioni e cose ...

Fenne Lily è una giovane folk-singer di stanza a Bristol: chi scrive l’aveva conosciuta un paio di anni fa nel Regno Unito, mentre apriva ...

“Il nostro suono rispecchia ...

I Mother’s Cake sono una band psych-garage proveniente dal Tirolo. Formatosi nel 2008, il trio austriaco ha finora pubblicato tre LP e due ...

“Soli e assieme, ...

Stagi è uno dei miei cantautori preferiti, e potrebbe diventare anche il vostro. Per fugare ogni dubbio in merito al fatto che ascoltare ...