THE FLAMING LIPS
American Head

[ Bella Union Records - 2020 ]
7.5
 
Genere: indie-rock
 
16 Settembre 2020
 

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo alla sezione ‘live report department’ e, come sapete stimati colleghi, siamo ahimè disoccupati a tempo indeterminato…al momento non si vede la luce.

Fatta questa premessa, torno a raccontare un disco nuovo della mia band preferita in materia di concerti, chi ha visto i Flaming Lips almeno una volta dal vivo, sa di cosa sto parlando, a mio giudizio sono i numeri uno, in una classifica che, d’accordo, lascia il tempo che trova, dato essere difficile e forse inutile fare della graduatorie, ma Wayne Coyne e soci sono in grado di farti divertire, gioire, piangere, ridere, cantare, ballare, mischiando sapientemente ironia, imprevedibilità, genialità, fantasia, e chi più ne ha più ne metta. Una festa vera e propria con un repertorio assoluto.

Anche il lato discografico, appunto, ha contribuito a renderli una band fondamentale a tutti gli effetti, da “Clouds Taste metallic” al masterpiece “The Soft Bulletin” del 1999, passando per “Yoshimi Battles the pink robots” o lo stesso “Embryonic”, sono pubblicazioni da libri di scuola, raccolte che hanno lasciato il segno in questi trenta lunghi anni di carriera.

Venendo ad “American Head”, che esce a poco più di un anno dall’altrettanto bello “King’s Mouth” e a tre da “Oczy Mody”, diciamo subito che è un buon disco. Non posso urlare all’ennesimo capolavoro, perché non tutto è perfetto, soprattutto in materia di scrittura: ci sono alcune canzoni che mi lasciano indifferente (almeno al momento in cui sto raccontando le mie impressioni, scrivendo queste parole dopo 4 attenti ascolti). Va altresì detto che dopo così tanti anni il talento e l’ispirazione ci sono ancora e l’asticella è sempre alta.

Non mancano gli ingredienti migliori del marchio di fabbrica che ha segnato la storia dell’indie pop / rock che dir si voglia dei Flaming Lips. Richiamato addirittura Dave Friedman in cabina di regia, lui che insieme a Nigel Godrich ha marchiato a fuoco gran parte delle migliori produzioni degli ultimi vent’anni, un fuoriclasse vero e proprio che ritorna ancora una volta da capofila a gestire i suoni: tutto fila liscio, gli abituali cervellotici arrangiamenti, mischiati alle voci filtrate; milioni di tracce sapientemente amalgamate e le abituali scelte non convenzionali, i consueti Beatles della musica moderna insomma.

“Wil You Return When You Come Down” che apre il filotto è un bell’inizio, qui per rimanere anche nelle prossime e future setlist, “Dinosaurs On The Mountain” è un istant classic, che profuma di già sentito ma è talmente bella che non è un problema. Su tutte svettano due episodi che da soli valgono, in qualche modo, il prezzo del biglietto, la ballata “Brother Eye”, bellissima, quasi interamente acustica, malinconica e colorata e la claustrofobica “Assasins Of Youth”, una mid tempo song che mischia sapientemente un songwriting classico con reminiscenze elettro e un caotico finale, in mezzo alle perle ci metto anche una riconoscibilissima “Flowers Of The Neptune 6”, un bagno di psichedelia con la ritmica che sembra così, fuori tempo massimo, ma che, in realtà, regala emozioni.

Un disco che aggiunge inevitabilmente poco, data la gigantesca portata della discografia di Wayne Coyne e soci, ma che farà comunque contenti i tanti fedelissimi estimatori e molto felice chi cerca del sano divertimento sonoro, perché direi che qui ce n’è a tonnellate.

Tracklist
1. Will You Return / When You Come Down
2. Watching the Lightbugs Glow
3. Flowers of Neptune 6
4. Dinosaurs on the Mountain
5. At the Movies on Quaaludes
6. Mother, I've Taken LSD
7. Brother Eye
8. You n Me Sellin' Weed
9. Mother, Please Don't Be Sad
10. When We Die When We're High
11. Assassins of Youth
12. God and the Policeman (featuring Kacey Musgraves)
13. My Religion Is You
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...