THE SLOW PAINTERS
The Slow Painters

[ Keepsecretrecords - 2020 ]
8
 
Genere: Jangle Pop, Noise Pop, Indie Rock
 
di
17 Settembre 2020
 

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi nell’affollata offerta musicale dei giorni nostri.

I ragazzi di Oslo sono attivi dal 2004, ma solo recentemente gli occhi degli addetti ai lavori si sono indirizzati su di loro, e il motivo è semplice: sono magnetici, talentuosi, poliedrici.

Due sono le costanti in questo disco dei The Slow Painters: la ricerca dell’atmosfera sonora, frutto delle loro intenzioni melodiche o di più o meno strutturate armonie, ed una trazione di chitarra elettrica che non azzera un attimo la propria forza motrice, giocando solo su ritmo, velocità ed intensità. Il resto ce lo mettono Andreas W. H. Lindvåg e compagnia, con coraggio, ecletticità ed ottimo gusto. Ed un pezzo di mente fissa ai grandi del passato, ça va sans dire.

Possiamo trovare infatti tanti spunti guitar pop in questo album, uscito in questi giorni ma dalla lunga, lunghissima gestazione, laddove i primi pezzi risalgono addirittura al 2004: il tiro di un ritornello trascinante (e che ricorda i Mando Diao) in “Egon”, la leggera brezza elettrificata di “What I Miss the Most”, la spensierata “Andy & The Androids” con la sua linea di basso contagiosa che strizza l’occhio ai Pixies, le chitarre dissonanti e riverberate di “Parklights” e i droni di “C#” (e in “Happy Murdered” la mente vola verso Mark Linkous); ancora, “About The Holidays” che graffia e carezza con i suoi cambi di tono, passo e registro, il noise ed il lo-fi di “No Teens”, animo e cuore orientati al rock alternativo d’oltreoceano, il jangle a tinte rétro che riesce a prendere quota nella sognante “Gloria”, il sommesso commiato affidato a “Drums and Snare” dove tocca alle note d’arco lenire l’accorata chiusura.

38 minuti e 36 secondi stuzzicanti e gradevoli, per una band che merita tutto il nostro interesse e strappa un plauso convinto.

Credit Foto: Sigurd Fandango

Tracklist
1. Egon
2. What I Miss the Most
3. Andy & The Androids
4. Parklights
5. The Happy Murdered
6. About the Holidays
7. No Teens
8. Gloria
9. C#
10. Drum & Snare
 
 

Deftones – Ohms

Il plauso che va fatto alla compagine di Sacramento è quello di non essere mai scesa a compromessi e non solo. A differenza di altri ...

Bruce Springsteen – Letter To ...

C’era un tempo in cui si attendeva in maniera spasmodica, perlomeno per alcune uscite, la pubblicazione ufficiale, magari presentandosi di ...

Darlingside – Fish Pond Fish

I Darlingside hanno festeggiato lo scorso maggio dieci anni di carriera, un traguardo importante che hanno celebrato con una buona dose ...

The Reds, Pinks And Purples – ...

Glenn Donaldson, componente di The Art Museums  e Skygreen Leopards  con Donovan Quinn, continua a creare musica, con quello che lui ...

Francesco Bianconi – Forever

Con i Baustelle in “fermo biologico concordato” (ipse dixit) ecco l’album solista, il primo, di Francesco Bianconi, ...