OGGI “ON” DEGLI ECHOBELLY COMPIE 25 ANNI

 
18 Settembre 2020
 

Se vi capitasse di fare un giro sulla pagina Spotify degli Echobelly vedreste subito che i due brani più gettonati sono proprio estrapolati da questo album, ovvero “King of the Kerb” e “Great Things”. Questo la dice lunga su un paio di cosette, ovvero sul fatto che “On”, a conti fatti, sia il disco più gettonato della band, ma anche che gli Echobelly in fatto di ispirazione melodica, almeno per quanto riguarda i singoli, nel lontano 1995 erano davvero ai massimi livelli.

Non ci sono grosse novità per quanto rigurda il sound. Il guitar-pop degli Smiths resta sempre un punto fermo, l’alchimia tra Sonya Aurora-Madan e Glenn Johansson funziona: lei ci mette grinta, freschezza, una voce versatile, testi con un po’ di sale in zucca e quando serve un piglio quasi riot, mentre il chitarrista tira fuori riff classici eppure decisamente accattivanti.

Il disco ovviamente sfrutta il tiro del britpop: l’approccio chitarristico va che è un piacere in Gran Bretagna e simili sonorità nel 1995, appoggiate in pieno da NME e Melody Maker, sono accolte con entusiasmo e così la quarta posizione nella classifica UK è un risultato più che soddisfacente.

I due singoli già citati restano mirabile esempio della scrittura degli Echobelly, che sfornano ritornelli dolci come il miele e che entrano subito in testa. “Go Away” ha dei saliscendi micidiali e un ritornello decisamente appiccicoso, mentre in fatto di ritmi sostenuti “Four Letter Word” fa il suo ottimo dovere. La mia palma di air-guitar più gettonato (e canzone che mettevo sempre nelle compilation che facevo all’epoca per qualche fanciulla) va a “Nobody Like You”, scontatissima, ma  dal ritornello che è zucchero filato. Eppure la band (sempre con il santino di Johnny Marr nel taschino) si destreggia bene anche quando i ritmi calano, basti citare “Something Hot In A Cold Country” o quello che, probabilmente, è il loro brano migliore “Dark Therapy”, ottimamente misurato nelle distorsioni e nelle melodie e pregno di convincente lirismo.

L’apice della band è qui, perché i lavori successivi non saranno più così ispirati. Poco male, lasciatevi avvolgere dai profumi britpop, oggi la nostalgia prende il controllo…

Pubblicazione: 18 settembre 1995
Registrazione: Konk, London
Genere: Britpop, power pop, alternative rock
Lunghezza: 42:02
Label: Fauve, 550, Rhythm King
Produttore: Paul Kolderie, Sean Slade

Tracklist:

“Car Fiction” – 2:31
“King of the Kerb” – 3:59
“Great Things” – 3:31
“Natural Animal” – 3:27
“Go Away” – 2:44
“Pantyhose and Roses” – 3:25
“Something Hot in a Cold Country” – 4:01
“Four Letter Word” – 2:51
“Nobody Like You” – 3:52
“In the Year” – 3:31
“Dark Therapy” – 5:30
“Worms and Angels” – 2:38

 

Oggi “Boy” degli U2 ...

“Boy”, il primo disco degli U2, è il disco dell’adolescenza ed anche dell’innocenza, espressa dagli occhi di Peter ...

Oggi “Love” dei The ...

Ho spesso associato l’ascolto di “Love” con almeno altri quattro dischi ovvero “The Crossing” dei Big Country, “Strenght” ...

Oggi “Chocolate Star Fish and ...

Irriverenti, puerili, volgari, stupidi, ripetitivi… queste le principali accuse mosse al quintetto di Jacksonville, Florida che a ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “All Change” dei ...

Per parlare dei Cast bisogna fare un passo indietro e citare i La’s, la creatura musicale di Lee Mavers. John Power in quella ...