WEEKLY RADAR #59: DEATH OF HEATHER

 
21 Settembre 2020
 

Attiviamo il radar e scandagliamo in profondità un universo musicale sommerso. Ogni settimana vi racconteremo una band o un artista ‘nascosto’ che secondo noi merita il vostro ascolto. Noi mettiamo gli strumenti, voi orecchie e voglia di scoperta, che l’esplorazione abbia inizio (e mai una fine)…

Oggi andiamo a Bangkok, in Thailandia a scoprire l’indie-rock/shoegaze degli ottimi Death Of Heather, quartetto composto da Tay, Thong, Nine, Non. Tay nel 2016 inizia a comporre le prime cose in solitudine intorno al 2016, ma ben presto la formazione trova il suo completamento attuale. Il primo nome della band è Anti Pants, poi si passa a Death Of Heather.
Il primo assaggio delle potenzialità dei ragazzi è con “Demo I”, un primo EP pubblicato nel giugno del 2018. Primi due brani strumentali, mentre i successivi due sono cantati. Inizia a prendere forma chiaramente lo sviluppo sonoro della band che passa da momenti morbidi a sfuriate più cariche (sopratutto nei brani strumentali). “Drown” è la più eterea del lotto, mentre “She’s Not There” è decisamente più leggera e dolce.

Dopo il primo EP il nome della band, almeno a livello locale inizia a farsi conoscere e le quotazioni salgono, tanto da partecipare al Pink Cloud Festival, un festival ben conosciuto in Thailandia. Il passo successivo è con una serie di brani che fungono da apripista per un disco che dovrebbe arrivare a breve, speriamo.

“I Can Tell” (uscita a fine novembre 2018) è velluata e jangly, con questa splendida brezza indie-pop che ci sulla dall’inizio alla fine e “In Mind” (estate 2019) si muove avvolgente e con questo cantato leggerissimo che si appoggia all’ottimo lavoro in crescendo che aumenta con garbo e sensibilità il livello di rumore, mantenendolo sempre a un livello magico e sognante.

Il 2020 vede il movimento farsi più intenso per i ragazzi, che prima piazzano “In Me”, incalzante e circolare nel suo prezioso e dolce sviluppo chitarristico, sempre caratterizzata da questo canto etereo che rende la traccia leggera, mentre il lavoro ritmico serve a darle la giusta sostanza.

Per “In The Box Session” viene registrato un piccolo live di 4 pezzi…

Da pochissimo è uscito il nuovo singolo “Hard To Cure” che ci lascia letteralmente senza fiato. La partenza è quella che ci potremmo aspettare dai ragazzi, su un morbido percorso chitarristico, ma poi a un certo momento ecco la distorsione violenta che ci colpisce in pieno volto e ci sconvolge, lasciandoci con la pelle d’oca. La voce sognante anche in mezzo a quella tempesta sonica è un gioiello. Un pezzo di una bellezza disorientante. A tutt’oggi, forse, la canzone shoegaze più bella dell’anno, almeno per chi vi scrive.

Nel 2020 è atteso il loro esordio. Non vediamo l’ora…

 

“I testi del disco sono ...

I Magick Mountain sono un nuovo supergruppo di stanza a Leeds: la band, infatti, comprende Tom Hudson (Pulled Apart By Horses), Lins Wilson ...

Glass Animals – Live ...

Con l’uscita del nuovo album “Dreamland“, un live coi fiocchi ce lo meritavamo tutti. Fortunatamente, le nostre ...

A Jeff Bridges e’ stato ...

Tramite un tweet pubblicato ieri notte sul suo profilo social Jeff Bridges ha rivelato la triste notizia: Mi è stato diagnosticato un ...

Guarda il trailer di “Ma ...

Netflix ha rilasciato in queste ore il primo trailer di “Ma Rainey’s Black Bottom” adattamento cinematografico ...

I Beach Boys sostengono Donald ...

In questi anni anni Mike Love, insieme ad un altro membro storico della band Bruce Johnston, continua ad esibirsi dietro il nome Beach Boys ...