ULVER
Flowers Of Evil

[ House Of Mythology - 2020 ]
5
 
Genere: synthpop
 
25 Settembre 2020
 

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice compito di raccogliere l’eredità di quel “The Assassination of Julius Caesar” che, appena tre anni fa, ben impressionò critici e fan.

Il lungo vagabondare tra sonorità neofolk, black metal e trip hop deve aver lasciato con il fiatone la band norvegese. Questo nuovo disco, a differenza di quanto ascoltato precedentemente, colpisce in maniera negativa per la totale mancanza di sorprese – o, per meglio dire, pulsioni sperimentali volte a imprimere un briciolo di personalità a un genere musicale tanto antiquato.

L’impressione è che Kristoffer Rygg e compagni abbiano in qualche modo gettato la spugna, dopo aver dato mostra in molteplici occasioni di un’originalità fuori dal comune. E invece qui ci si limita a fare il verso ai Depeche Mode: gli Ulver li scopiazzano in ogni singola virgola, recuperando quei caratteristici toni dark ed eleganti che, quasi magicamente, si sposano alla perfezione con ritornelli degni di una hit radiofonica. I brani di “Flowers Of Evil” non sono altro che versioni meno dense e più quadrate di quelli contenuti nel già citato “The Assassination of Julius Caesar”, dove a farla da padrone era una tensione creativa che oggi sembra essersi definitivamente persa per strada.

Tanta classe e poca sostanza: questi Ulver suonano così superficiali, innocui e anonimi da rasentare la muzak che fa da sottofondo ai negozi di abbigliamento in stile Zara.  E per qualche strano motivo mi hanno fatto tornare in mente i The Beloved di “Sweet Harmony” – una delizia rispetto a quanto ascolterete in questi sterili trentotto minuti di pretenziosissimo synthpop. Un vero peccato, perché il lavoro svolto in cabina di regia dai produttori – Martin ‘Youth’ Glover, bassista dei Killing Joke, e Michael Rendall – è davvero eccellente. Speriamo in una nuova collaborazione con gli Ulver, possibilmente più fruttuosa di questa.

Credit Foto: Ingrid Aas

Tracklist
1. One Last Dance
2. Russian Doll
3. Machine Guns And Peacock Feathers
4. Hour Of The Wolf
5. Apocalypse 1993
6. Little Boy
7. Nostalgia
8. A Thousand Cuts
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments