OGGI “WASHING MACHINE” DEI SONIC YOUTH COMPIE 25 ANNI

 
26 Settembre 2020
 

Se credete che non sia possibile rimanere per sempre giovani senza morire prematuramente non avete mai ascoltato i Sonic Youth.
Il corpo umano è organico e col trascorrere del tempo si deteriora. Tutti veniamo travolti dall’incedere del tempo che attraversa e affievolisce la vita dentro di noi.
Questo è naturale, MA, l’essenza artistica, lo spirito, la voce degli strumenti (voce compresa), il pensiero dietro ad ogni composizione dei Sonic Youth rimangono quelli di un gruppo di giovani ragazzi newyorkesi senza età ma GIOVANI, eternamente giovani.

Sonic Youth hanno rivoluzionato la musica rock globale in un decennio (gli anni ’80) dove sono cambiati i linguaggi musicali, riuscendo a far germinare le.proprie idee in un bacino sotterraneo dal quale fioriranno poi infinite band negli anni ’90. La musica dei Sonic Youth è una no wave rumoristica intinta nel post punk, suonata con chitarre scordate e incursioni avanguardistiche che ricevono influenze da altri campi artistici, come ad esempio le arti visive; il tutto nel suo insieme riesce a formare un nuovo scenario musicale, intellettuale e colto, ma con entrambi i piedi infilati nell’immondizia di un cassonetto in un vicolo di Brooklyn.

Nonostante i Sonic Youth facessero (ottima) musica da inizio anni ’80, il boom di fama è arrivato con circa 10-12 anni di ritardo grazie all’album “Experimental Jet Set, Trash & No Star” del 1994, un disco che francamente non vi segnalerei tra la ricca discografia dei Sonic Youth. Fatto sta che negli anni ’90 la band di New York City viene “riscoperta” da un pubblico più vasto ed eterogeneo, anche per via dell’accostamento inappropriato allo straripante grunge di quegli anni, ritrovandosi a fare addirittura da headliner al Loolapalooza festival nel 1995.
Il disco dei Sonic Youth che uscì il 26 settembre del 1995 fu accolto con cautela dai fans di vecchia data della band di “Bad Moon Rising”, che si misero i guanti e inforcarono gli occhiali con aria sospettosa prima di maneggiare il nuovo lavoro della band di Thurston MooreKim Gordon e Lee Ranaldo. Il sollievo fu immediato. “Washing Machine” è un album difficile, indigesto per il grande pubblico, un album che musicalmente torna alle origini pur rimanendo attuale nella dimensione compositiva e soprattutto capace di arricchirsi della maturità dei due neo genitori Thurston e Kim. Il suono è elettrico e sperimentale, con una punta di psichedelia che verrà poi approfondita e trattata con più attenzione nel successivo album del 1998 “A Thousand Leaves”.

“Washing Machine” è un disco particolare e molto vario grazie anche a pezzi come “Unwind”, una ballata di rara bellezza e inedita per i Sonic Youth, e “Little Trouble Girl”, un brano curioso che incanta con la doppia voce femminile del duo Kim Gordon e Kim Deal dei Pixies che, insieme a Melissa Dunn e Lorette Velvette, dà forma a un coro magnetico che conferisce al brano un piacevole effetto collegiale.

“Washing Machine” compie oggi 25 anni. La sua immacolata freschezza non si è sciupata e questo sicuramente grazie all’approccio che i Sonic Youth hanno sempre avuto al concepimento dell’arte, che forse mai come in questo particolare frangente artistico è stato così diretto e partecipato umanamente dai propri autori.

La lavatrice dei Sonic Youth funziona ancora benissimo nel 2020 e la sua garanzia scade all’infinito.

Pubblicazione: 26 settembre 1995
Durata: 68 min
Tracce: 11
Etichetta; DGC
Produttore: Sonic Youth e John Siket

Tracklist:
1. Becuz
2. Junkie’s Promise
3. Saucer-Like
4. Washing Machine
5. Unwind
6. Little Trouble Girl
7. No Queen Blues
8. Panty Lies
9. [untitled]
10. Skip Tracer (Sonic Youth e Leah Singer)
11. The Diamond Sea

 

Oggi “Boy” degli U2 ...

“Boy”, il primo disco degli U2, è il disco dell’adolescenza ed anche dell’innocenza, espressa dagli occhi di Peter ...

Oggi “Love” dei The ...

Ho spesso associato l’ascolto di “Love” con almeno altri quattro dischi ovvero “The Crossing” dei Big Country, “Strenght” ...

Oggi “Chocolate Star Fish and ...

Irriverenti, puerili, volgari, stupidi, ripetitivi… queste le principali accuse mosse al quintetto di Jacksonville, Florida che a ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “All Change” dei ...

Per parlare dei Cast bisogna fare un passo indietro e citare i La’s, la creatura musicale di Lee Mavers. John Power in quella ...