EVERYTHING EVERYTHING
Re-Animator

[ AWAL - 2020 ]
7
 
Genere: Art-Rock, Art-Pop, Rock Sperimentale, Indietronica
 
di
29 Settembre 2020
 

Riecco anche gli Everything Everything al loro quinto album in studio, a tre anni di distanza da “A Fever Dream” del 2017.

Di certo non per tutti i palati, la band di Manchester capitanata da Jonathan Higgs si è dimostrata capace nella propria carriera ormai ultradecennale di dividere critica più o meno specializzata, allo stesso tempo è stata abile a tenere sempre una debita dose di attenzione su di sé.

Riescono con questo “Re-Animator” a coniugare con mestiere e gusto la loro scrittura esistenzialista con impalcature sonore elettrolitiche, luccicanti e sintetiche (per quanto gli arnesi del mestiere analogici ci siano e si sentano eccome), così come non mancano certi agganci catchy più cari al pop che alla sperimentazione (“Lost Powers”, “Arch Enemy”). Abbiamo al contempo incursioni nel prog più nevrotico (la seconda metà di “Lord of The Trapdoor”) o ancora lenitivi tuffi nel synth-pop più onirico (“The Actor”) e in quello a stampo retro-futuristico (“Big Climb” con il suo refrainWe’re not afraid that it will kill us, we are afraid that it won’t”, o le pulsazioni incastrate di “Planets”).

Lasciamo ad altre penne l’esercizio ginnico di elencare brano dopo brano tutte le somiglianze che l’orecchio recepisce oltre un lustro di musica addietro coi Radiohead post-“Kid A” (“It Was a Monstering”, “In Birdsong”) o con la più recente indietronica (“Moonlight” fa l’occhiolino a Bon Iver).

A conti fatti, il brano migliore del lotto è invero in chiusura con “Violent Sun”: una sezione ritmica incalzante e sognanti corredi sintetici e di tastiera apparecchiano per il cantato di Higgs che esalta il proprio falsetto, sferzante, accorato, vero marchio di fabbrica del frontman mancuniano, in un brano degno di futura memoria.

Un lavoro intrigante e di qualità che, pur senza particolari scossoni e deviazioni dalla matrice stilistica originale della band, lascia comunque soddisfatti.

Photo by Yaffa Phillips / CC BY-SA

Tracklist
1. Lost Powers
2. Big Climb
3. It Was a Monstering
4. Planets
5. Moonlight
6. Arch Enemy
7. Lord of The Trapdoor
8. Black Hyena
9. In Birdsong
10. The Actor
11. Violent Sun
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Maggie Rogers – Surrender

Instancabile Maggie Rogers: sei anni dopo “Alaska” il brano che l’ha fatta conoscere e a tre dall’esordio “Heard It in a Past ...

…And You Will Know Us By The ...

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, ...

Tallies – Patina

Dopo il loro convincente omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a gennaio 2019, i Tallies sono ora ritornati con questo sophomore ...

UltraBomb – Time To Burn

Un fotomontaggio, probabilmente fatto con Paint, dove troviamo le immagini di un bambino incazzato e di un’esplosione atomica prese da ...

Recent Comments