BOB MOULD
Blue Hearts

[Merge - 2020]
8
 
Genere: Alt rock, power pop
 
2 Ottobre 2020
 

Questa gente ha già provato ad uccidermi una volta, ora sono di nuovo qui e non mi farò da parte”. Non le manda a dire Bob Mould che arrivato all’album numero quattordici torna a sfoderare artigli chitarristici e rabbia. “Sunshine Rock” uscito l’anno scorso rappresentava il suo lato più ottimista (ne abbiamo parlato qui). “Blue Hearts” invece è figlio di questi ultimi dodici mesi e degli inquietanti paralleli tra il 1984 e il 2020 che l’ex frontman di Hüsker Dü e Sugar ha sintetizzato in poche ma chiarissime parole: “Leader carismatici sostenuti e stimolati da estremisti cattolici ignorano un’epidemia (HIV/AIDS) o dicono bugie a proposito di una pandemia (COVID19)”.

Concetti distillati in quattordici orecchiabilissimi brani di protesta prodotti da Beau Sorenson e registrati a Chicago nello studio di Steve Albini con Jon Wurster alla batteria e Jason Narducy al basso. Note che tornano su temi cari a Bob Mould: la libertà di essere se stessi, i diritti gay spesso calpestati, il cambiamento climatico, Chiesa, religione e politica. La chitarra acustica fa gli onori di casa nel folk combattente di “Heart on My Sleeve”, furiose scariche di adrenalina come “Next Generation”, “American Crisis” e “Fireball” danno un elettrico benvenuto.

Il ritmo si abbassa leggermente nel violento attacco anti – Trump chiamato “Forecast of Rain” per lasciar spazio a un testo tagliente. La successiva “When You Left” dimostra che “Blue Hearts” è un disco furioso indipendentemente dal tema trattato, personale o collettivo. Divertentissimi video psichedelici come quello di “Siberian Butterfly” con un luminoso Black Lives Matter finale, power pop fatto per essere suonato live (“Everyth!ng to You”, “Racing to the End”, “Little Pieces”) e onesti momenti autobiografici (“Leather Dreams”) confermano l’ottima forma di un musicista mai domo.

Un Bob Mould così non si sentiva da tempo. Sarcastico, irriverente e capace di giocare con melodia e rumore nella doppietta finale “Password to My Soul” – “The Ocean” racconta la crisi statunitense senza far sconti a nessuno. “Flyin’ The Flannel” (giusto per citare i fIREHOSE del coriaceo Mike Watt di cui si avverte lo spirito in quest’album) con o senza camicia ma col cuore saldamente in mano. Anzi cucito sulla manica.

Credit foto: Blake Little

Tracklist
1. Heart on My Sleeve
2. Next Generation
3. American Crisis
4. Fireball
5. Forecast of Rain
6. When You Left
7. Siberian Butterfly
8. Everyth!ng to You
9. Racing to the End
10. Baby Needs a Cookie
11. Little Pieces
12. Leather Dreams
13. Password to My Soul
14. The Ocean
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...