IRESS
Flaw

[Partisan Records - 2020]
8.5
 
Genere: Doomgaze, post-metal
Tags:
 
5 Ottobre 2020
 

Lo scorso dicembre in extremis si era inserito prepotentemente il sophomore dei Greet Death “New Hell” sul podio della top ten di fine anno, un album che ancora oggi  metto su volentieri. Ecco, quest’estate, dopo aver ascoltato il singolo “Nest” dei californiani Iress ho pensato che probabilmente avrei dovuto fare spazio nella mia top di questo strambo (a dir poco) 2020 per inserirci quest’altra opera seconda.

Beh, dopo l’ascolto di “Flaw” sono rimasto letteralmente folgorato dalla eccezionale bellezza di questo album e, quindi, non solo entrerà nella classifica dei migliori dischi dell’anno ma, forse, conquisterà il podio. Vedremo cosa l’autunno ha in serbo per noi musicofili, ma ora è il tempo degli Iress e dei loro otto straordinari episodi di doomgaze che trattano della complessità umana tra angoscia, dolore e perdita di fede.

I quasi trentacinque minuti di “Flaw” sono, a parere di chi scrive, tra i momenti più toccanti dell’intera stagione musicale in corso caratterizzati da una atmosfera pesante, lenta, cupa ma allo stesso tempo inebriante e confortante come è possibile percepirla ad esempio nella citata “Nest”, con la voce dalle tonalità androgine della vocalist Michelle Malley che attrae e seduce senza possibilità di opporsi.

Il quartetto di Los Angeles, che si completa con Alex Moreno (chitarra), Michael Maldonado (basso) e Glenn Chu (batteria), giunge alla sua seconda esperienza dopo “Prey” del 2015 votato più ad un alternative rock, grunge e, quindi, risulta sorprendente questa nuova svolta della band che si muove ora tra riff lunghi e prolungati propri del post-metal.

Il più grande pregio di questo disco è quello di far immergere l’ascoltatore molto gradualmente nel plumbeo mood dell’album e, infatti, compito dell’opener “Shamed” sembra essere proprio quello di dettare il filo conduttore con un intro impressionante che man mano scandisce i potenti riverberi accompagnati dall’altrettanto poderosa voce della frontwoman e con i due minuti finali inverosimili.

Il muro del suono con una corposa batteria si prende la scena anche nel primo singolo “Underneath” con le ammalianti urla eteree della Malley a rubare il finale fino a quando la successiva e bellissima “Dark Love” si concede a ritmi acustici più miti sorretti dal tormentato violoncello di Emily Elkin e Syd Everatt che ritroviamo pure in “Wolves” dove il sound si tinge di sonorità di Smashing Pumpkins memoria, quelle di “Siamese Dream” per intenderci.

Inutile girarci intorno, le virtù vocali di Michelle Malley, che a volte ricordano quelle della nostra Cristina Scabbia dei Lacuna Coil, come nell’incalzante “Thieves”- attirano su di sé l’attenzione soprattutto nelle emozionanti note dei sette minuti da pelle d’oca della tenebrosa “Shallow”, la migliore del lotto probabilmente, mentre il sipario cala sul breve folk della malinconica traccia di chiusura “Hand Tremor”.

Tracklist
1. Shamed
2. Nest
3. Underneath
4. Dark Love
5. Shallow
6. Thieves
7. Wolves
8. Hand Tremor
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...