WILL BUTLER
Generations

[ Merge - 2020 ]
5.5
 
Genere: Art-pop, Synth-pop, Indietronica
 
di
7 Ottobre 2020
 

William Pierce Butler è il fratellino di Win Butler, frontman e socio di maggioranza degli Arcade Fire: i bene informati/le malelingue vogliono anche che ad esso sia dovuta/che esso sia reo della svolta sintetica dello stesso collettivo canadese, apprezzata/mal digerita da molti loro estimatori della prima ora.

Dopo “Policy” del 2015, rieccolo con questo “Generations”, uscito grazie alla fidata Merge Records.

Mettiamola così: se la virata stilistica sovra richiamata degli Arcade Fire è di vostro gradimento, l’amore per la band è alto, la stima per l’artista elevata, la voglia di metterlo alla prova altrettanto presente, questo disco può fare per voi. Will, orgogliosamente mormone, è abile polistrumentista e si muove con disinvoltura tra generi, dall’indietronica al pop sintetico più lascivo, passando per sentieri folk e country, soul e gospel, laddove i cori (tra le cui voci anche quella della compagna Jenny Shore) adornano l’offerta. Ci sono anche alcuni spunti magari degni di nota e che potrebbero anche richiamare alla memoria il più famoso collettivo (“Betlehem”, “I Don’t Know What I Don’t Know”, “Close My Eyes”) e Will ci mette senza dubbio del proprio, laddove la scrittura appare curata, pur essendo la materia prima certo non aliena al dejà senti.

Qualora invece non siete del partito di cui sopra e non avete aprioristicamente quella quarantina di minuti da dedicare a questo “Generations”, il consiglio è di passare in scioltezza oltre, senza particolari pensieri circa l’aver lasciato qualche tipo di spessore qualitativo per strada, o che vi venga voglia di andare un giorno a riprenderlo tra le mani.

Scegliete pure, noi un’idea ce la siamo fatta. Magari può tornare utile anche a voi.

Tracklist
1. Outta Here
2. Bethlehem
3. Close My Eyes
4. I Don't Know What I Don't Know
5. Surrender
6. Hide It Away
7. Hard Times
8. Promised
9. Not Gonna Die
10. Fine
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...