AN EARLY BIRD
Echoes of Unspoken Words

[ Artist First - 2020 ]
7.5
 
Genere: indie-folk
 
12 Ottobre 2020
 

Potranno anche non starci simpatici i francesi, ma hanno coniato quel termine favoloso che è “Esprit de l’escalier“, per indicare le frasi e la risposta giusta ed efficace che arrivano, purtroppo, nel momento sbagliato, quando si è ormai “sulla scala“, cioè quando è troppo tardi per controbattere a un argomento o per introdurre un discorso nel modo adeguato.  Il titolo del nuovo album di Stefano De Stefano mi ha riportato a quell’espressione.

Quelle parole che non sono state pronunciate, hanno in realtà un peso e una valenza incredibile. Sanno far rammaricare e ci fanno arrabbiare, perché, seppur corrette, sono arrivate tardi, ma nello stesso tempo, ci danno un filo di speranza, una possibilità per la prossima volta, un qualcosa a cui aggrapparci. L’eco di queste frasi rimbomba nella nostra testa, così come nell’ area circostante, lascia un segno indelebile, che ci accompagna.

An Early Bird cattura la sostanza di quell’eco, ne imprigiona i riverberi, le sensazioni, le emozioni e le rende musica, alla sua maniera ovviamente, con la sua sensibilità alt-folk sognante (con momenti in cui si va a riesumare alcuni spunti del buon vecchio new acoustic-movement a tratti), abbassando i toni e smorzando il pulsare nelle nostre tempie che quel riverbero potrebbe provocarci. I toni alti, a dire il vero, non sono mai stati nell’indole dell’artista, ma la struttura delicata, deliziosamente pop e in punta di piedi delle sue composizioni non tragga in inganno, quelle parole non pronunciate trovano la loro via e De Stefano indica che se non sarà nella nostra testa, beh, sarà comunque nel cuore che si propagheranno.

L’intimismo acustico del nostro trova il perfetto sostegno di arrangiamenti sempre misurati, con qualche lieve accenno elettronico: tutto strutturato al meglio per valorizzare melodie senza tempo e ritornelli che non scivolano mai innocui. Se devo trovare un corrispettivo straniero, beh, non posso che pensare al magnifico lavoro che Owen sta portando avanti da anni. Non saremo ancora a quelle vette di intensità, ma la strada imboccata da Stefano è davvero quella giusta.

Tracklist
1 Declaration Of Life
2 Talk To Strangers (feat. Old Fashioned Lover Boy)
3 Racing Hearts
4 Fire Escape
5 One Kiss Broke The Promise
6 State Of Play
7 The Magic Of Things
8 From Afar
9 Stay
10 The Prisoner
11 Mermaid Song
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...