GROOVE ARMADA
Edge Of The Horizon

[BMG – 2020]
7.5
 
Genere: Dance, elettronica
 
12 Ottobre 2020
 

Pochi avrebbero scommesso sul ritorno dei Groove Armada dieci anni dopo la doppietta “Black Light” / “White Light”. Tom Findlay e Andy Cato sembravano voler fare altro: Findlay ha frequentato corsi per diventare terapista, Cato era invece impegnato a gestire una fattoria in Francia. Entrambi si occupavano di musica house per piccole etichette. Lontani, molto lontani dalle luci della ribalta e da quelle stroboscopiche dei dancefloor che pulsavano ormai su frequenze diverse.

Un ritorno dettato dall’energia che si sprigiona in studio, quando il resto del mondo si spegne e c’è un’intensità quasi folle a cui è difficile rinunciare. Si rivedono storici collaboratori come Nick Littlemore (Empire Of The Sun, Pnau) e fanno capolino grossi nomi come il padrino dell’UK Garage Todd Edwards e Paris Brightledge, pezzo di storia della musica house.

L’inizio è soft e ambizioso: falsetto, tastiere in primo piano rendono “Get Out On The Dancefloor” un brano vitale e sbarazzino. Seguono due pezzi (“Holding Strong” e “Tripwire”) in bilico tra pop e elettronica, che spiegano il paragone con Roxy Music e Hall & Oates inserito nella press release.

“Don’t Give Up”, “We’re Free” e “Dance Our Hurt Away” invece sono un chiaro omaggio a Giorgio Moroder, soprattutto nell’uso delle voci femminili. La title track è stata recuperata dalle caotiche session di “Black Light” e diventa un viaggio intenso e cadenzato con un finale esplosivo e la voce di Jessica Larrabee dei newyorchesi She Keeps Bees.

Lisergica “Lover 4 Now” tra Ibiza e italo – disco, solo il primo di almeno tre brani che s’ispirano agli anni ottanta con il tastierone e l’assolo di chitarra di “I Can Only Miss You”, un po’ di soul elettronico (“What Cha Gonna Do With Your Love”) e i sintetizzatori di “Talk Talk”. Forse non l’album che i fan si aspettavano ma un disco che Findlay & Cato avrebbero messo sul piatto nei leggendari bus party post esibizione. Retrò e deliziosamente fuori dal tempo.

Tracklist
1. Get Out On The Dancefloor (ft Nick Littlemore)
2. Holding Strong
3. Tripwire (ft Nick Littlemore)
4. Don’t Give Up
5. We’re Free
6. Edge Of The Horizon
7. Lover 4 Now (ft. Todd Edwards)
8. I Can Only Miss You
9. What Cha Gonna Do With Your Love
10. Talk Talk
11. Dance Our Hurt Away
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...