LO TOM
LP2

[self-released - 2020]
8
 
Genere: Indie-rock
 
12 Ottobre 2020
 

Con lo stesso numero di brani e con lo stesso cane in copertina, che questa seconda volta non se la passa proprio bene…, la band dei Lo Tom ha pubblicato il suo secondo album “LP2”, finanziato con il crowdfunding su Kickstarter, il sito web statunitense creato per fornire finanziamento collettivo per progetti creativi.

Il supergruppo (perché di questo si tratta) degli attempati dell’indie-rock formato nel 2017 da David Bazan e TW Walsh dei Pedro The Lion e da Trey Many e Jason Martin dei Starflyer 59, tornano insieme quindi con questa seconda fatica a tre anni di distanza dall’omonimo e ottimo debutto.

Il disco è stato anticipato dai due singoli che probabilmente sono il meglio del lotto e si tratta di “Start Payin” rilasciata ad inizio agosto dove nella semplicità dei riff di chitarra è possibile scorgere l’ombra shoegaze dei Starflyer 59 e “Outta Here” che riporta alla memoria un certo college rock degli anni ’80 e ’90 accompagnato da un irresistibile ritornello: “I don’t wanna do this anymore”.

In realtà, l’album tutto, che ricerca nella sua brevità il suo unico difetto (ma soltanto perché avremmo gradito durasse un po’ di più), è davvero una perla, ogni singolo brano non dura più del necessario, laddove fronzoli e virtuosismi sono accantonati in ragione di una forma canzone efficace, diretta, intensa ed energica.

I riffoni di chitarra dominano la tracklist che si adagia anche su sagaci trame di sintetizzatori ambientali (“The Show”, “Don’t Look At Me”) e fuzz a volume incandescente (“In A Vain”, “I Need Relief”) mentre la riconoscibile voce rugosa di Bazan riesce a creare il giusto equilibrio nel sound il quale, in questo sophomore, si percepisce più florido e strutturato.

C’è spazio anche per una toccante e graffiante ballatona – “Non riuscivo a trovare nessuna finestra/Ho bevuto un paio di drink /Meno per il sapore/Più per il sollievo dal dolore” canta Bazan la quale comunque non riporta il disco in territori languidi rimanendo invece ancorato a metà strada tra la giusta dose di asprezza e potenza.

Un gran bel disco!

Tracklist
01. Start Payin'
02. Suck It Up
03. Outta Here
04. I Need Relief
05. No Margin Of Error
06. The Show
07. Don't Look At Me
08. In A Van
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...