“GLI ARTISTI AMERICANI CI HANNO INFLUENZATO IN MODO MASSICCIO COME BAND.” ABBIAMO INTERVISTATO I CHAPPAQUA WRESTLING

 
17 Ottobre 2020
 

I Chappaqua Wrestling sono una band indie-rock inglese: originari di Brighton e poi trasferitisi a Manchester per l’università, ora abitano a Londra, luogo da dove provengono molti dei loro eroi musicali. A causa della pandemia il gruppo britannico ha dovuto rivedere i suoi piani per il 2020, ma negli ultimi mesi sono arrivati due nuovi singoli, “Football” e “The Rift”, che hanno attirato le attenzioni dei principali blog musicali internazionali. Noi di Indieforbunnies.com abbiamo contattato i Chappaqua Wrestling via e-mail per farci parlare della loro storia, delle loro influenze, dei loro programmi per il futuro e ovviamente del Great Escape di Brighton. Ecco cosa ci hanno detto:

Ciao, come state? Potreste essere così gentili e fare una piccola presentazione per i nostri lettori?

Ciao, noi stiamo bene, tu come stai? Siamo i Chappaqua Wrestling. Rock & sock band che vive nel sud di Londra, composta da Jake Mac, Charlie Woods, Jude Lilley, Alice SK e John Townsend.

Chappaqua Wrestling è un nome davvero molto brillante per una band! Mi piace tanto! Potete dirci da dove viene il nome della vostra band?

Charlie ha vissuto a Chappaqua, NYC per alcuni anni quando era più giovane, arrivò a possedere una maglietta di Chappaqua Wrestling predefinita in città perché amava il wrestling quando abitava ancora con i suoi genitori. Quando è tornato indietro, Jude, Charlie e io (Jake) siamo diventati migliori amici e questa maglietta ha iniziato a essere lanciata in giro. Tutti e tre finimmo per indossarla in periodi diversi. C’è un’opinione diversa su chi ha deciso che sarebbe stato il nome della nostra prossima band, ma una cosa che è sicuramente accaduta a causa di ciò è stata la denominazione di una playlist Spotify condivisa chiamata Chappaqua Wrestling. Abbiamo tutti condiviso canzoni lì dentro per mostrarcele a vicenda. La prossima cosa che sappiamo è che siamo finiti qui. Bel nome, nome brutto, chi se ne frega.

Avete vissuto a Brighton, Londra e Manchester: credete che queste città abbiano influenzato il tuo sound in qualche modo?

Decisamente sì. Quei tre luoghi hanno così tanta buona musica non solo per il Regno Unito, ma per il palcoscenico mondiale. Brighton ha sicuramente tenuto il suo peso, ma Londra e Manchester ospitano alcune delle migliori band di sempre. Siamo cresciuti a Brighton e come città ha una scena musicale fantastica, ma una scena artistica ancora migliore. Penso che siamo sempre stati circondati da cose belle che devono essere state fonte di ispirazione. Ci siamo trasferiti a Manchester per l’università, ma in realtà ci siamo trasferiti lì per la musica. Amiamo molto gli Happy Mondays, i New Order, gli Oasis e tutte quelle band. Manchester ci ha davvero aiutato a trovare la nostra dimensione come musicisti. Londra è Londra, è incredibile. Per quanto britannici come tutto quanto sopra ci sembrare, gli artisti americani ci hanno influenzato in modo massiccio come band. Ci siamo fortemente legati ad artisti molto americani come Beach Boys, Bon Voyage, Steely Dan e persino The Drums. Speriamo che un giorno andremo a vivere negli Stati Uniti.

So che avete suonato al The Great Escape l’anno scorso: cosa ne pensate di questo festival multi-location? Ci sono stato molte volte negli ultimi dieci anni e la sua atmosfera è sempre stata fantastica.

Sì, deve essere il miglior festival cittadino. Brighton è la dimensione perfetta per qualcosa del genere. L’anno scorso suonare sul molo per la rivista DIY è stato uno dei nostri spettacoli preferiti in assoluto. C’erano delle vibrazioni così buone e sembrava letteralmente che il molo stesse tremando un po’. In realtà siamo stati abbastanza fortunati da suonare sul palco grande sulla spiaggia anche l’anno prima, probabilmente un po’ in modo prematuro, ma è stato comunque fantastico. Speriamo che la maggior parte delle venue riesca a tenere aperto. Il festival non è nulla senza le venue, sono loro ciò che lo rende davvero fantastico.

Avete pubblicato “EP1” nel 2017 e poi alcune altre canzoni, inclusi i singoli recenti “Football” e “The Rift”: quali erano i vostri piani originali per il 2020? State lavorando a un nuovo materiale?

Il piano originale era che “Football” e “The Rift” uscissero a maggio e poi un EP a settembre e un tour a ottobre. Ovviamente questi tempi folli hanno completamente ribaltato quei piani, ma continueranno ancora anche in futuro. Il lockdown ci ha permesso di raccogliere i nostri pensieri e dargli un po’ di forma, ma soprattutto di scrivere. Siamo stati entrambi piuttosto impegnati a scrivere nell’ultimo anno, in teoria dovremmo prepararci davvero bene per le prossime uscite. Quindi c’è anche un risultato positivo, immagino.

Posso chiedervi quanto è cambiato il vostro approccio alla musica nel corso degli anni? Quali sono state le vostre maggiori influenze musicali finora?

Abbiamo vissuto insieme per tre anni a Manchester e abbiamo scritto molta musica con chitarre con le corde in nylon, realizzando canzoni con influenze spagnole e di Americana in un ambiente familiare molto rilassato. Ora ci siamo trasferiti nel sud-est di Londra e viviamo separatamente, ma suoniamo ogni settimana con l’intera band. Ciò significa che stiamo suonando naturalmente musica più dura e più impulsiva che è guidata dall’energia piuttosto che focalizzata più strutturalmente e armonicamente come prima. Il nostro approccio è stato anche influenzato dallo stato del mondo: l’energia del mondo non brama musica acustica morbida in questo momento, ha bisogno di qualcosa che grida.

Cosa ci potete dire del processo creativo nella vostra band? Scrivete insieme o c’è una persona specifica che scrive testi e musica?

Principalmente siamo noi due (Jake e Charlie) che scriviamo le canzoni e i testi. Viviamo separati, ma nella stessa zona e scriviamo molto da soli ma finiamo i pezzi insieme. Come accennato in precedenza, abbiamo una band folle che ci circonda con Jude, John-Paul e Alice SK. Stanno suonando cose fantastiche e ci stiamo trasmettendo buone vibrazioni l’uno con l’altro, quindi è un periodo molto eccitante per noi.

Che cosa ci potete dire dei vostri testi? Sono personali? Da dove prendete l’ispirazione mentre le scrivete?

Ogni canzone è diversa, ma non pubblicheremmo una canzone se non avesse un vero significato personale per noi e non condividesse un lato della nostra personalità. C’è molto divertimento nei testi astratti che scrivevamo quando eravamo adolescenti, ma ora ci sono così tante emozioni e rabbia nel mondo in questo momento che è difficile evitarle. Prendiamo molta ispirazione dai nostri amici, dalle persone con cui abbiamo lavorato, dalla nostra famiglia, dallo stato del mondo e un po’ dalla poesia.

Quali sono i vostri piani per il futuro? State pensando di pubblicare il vostro primo full-length, magari nel 2021? Cosa ne pensate del futuro della musica dal vivo?

Abbiamo molte canzoni pronte, quindi ci piacerebbe pubblicarne uno intero al momento giusto. Crediamo che i grandi corpi di lavoro saranno un punto di forza per noi, poiché scriviamo con così tanti livelli di energia diversa. Potremmo mettere insieme la nostra musica concettualmente, che è il modo in cui facciamo le cose nei nostri live-show.
Il futuro della musica dal vivo ha un grande ostacolo da superare che è rendere sicuro il suo ritorno, molto probabilmente grazie a un vaccino o a qualche farmaco rivoluzionario. Ma dopo ciò il desiderio delle persone di guardare di nuovo la musica dal vivo è così grande – forse non è mai stato così grande – che l’esperienza di guardare gli artisti suonare la musica sarà goduta molto di più di quanto avremmo mai potuto immaginare prima. Sappiamo personalmente che vedere una band che amiamo dal vivo in questo momento ci porterebbe a stare molto bene. Il fatto che saremo su quel palco quando i concerti ritorneranno è incredibilmente eccitante e saremo onorati di suonare per i nostri fan e condividere alcuni momenti di riunione che accadono una volta ogni generazione. Dobbiamo solo assicurarci che i nostri incredibili eventi e le industrie artistiche siano supportati dal governo e dalle persone durante questo periodo incredibilmente schifoso.

 

“Si chiama ...

Rudy Saitta c’era piaciuto così tanto all’uscita di “Maria Colombia” (quindi, giusto qualche settimana fa) da ...

“Siamo tutti decisamente fan ...

Non hanno affrettato i tempi i ragazzi di Chicago e sebbene sui radar già da un po’ di tempo, arrivano solo ora a un disco che, in ...

“Siamo entrambi felicemente ...

di Riccardo Cavrioli e Riccardo Oliboni Fortunatamente esistono ancora artisti che ci regalano opere che, lungi dall’essere mero specchio ...

“I testi del disco sono ...

I Magick Mountain sono un nuovo supergruppo di stanza a Leeds: la band, infatti, comprende Tom Hudson (Pulled Apart By Horses), Lins Wilson ...

“Alcune delle canzoni sono ...

Nativa del Colorado, ma di stanza da tanti anni a Portland, Laura Veirs è una folk-singer che non ha certo bisogno di presentazioni. Questa ...