IL PROCESSO AI CHICAGO 7 (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

 
 
di
26 Ottobre 2020
 

Probabilmente il film più importante e, pur narrando vicende legate ai moti sessantottini e alla guerra in Vietnam, attuale di questo strano anno cinematografico.

Aaron Sorkin, già autore della sceneggiatura più maestosa dello scorso decennio (“The Social Network” di Fincher), scrive e dirige un ordigno cinematografico letteralmente perfetto, nei ritmi e nella messa in scena. I botta e risposta tipici dei film ambientati in una corte di giustizia americana vengono portati all’esasperazione ma, allo stesso tempo, alleggeriti dai continui, potenti flashback dei giorni degli scontri alla convention democratica di Chicago del 1968 (narrati peraltro, sotto forma di uno stand up a sua volta incastonato tra i vari piani narrativi, da un Sasha baron Cohen sublime). Il passato si specchia nel presente, l’ineluttabilità della repressione perpretata non soltanto attraverso le forze di polizia ma anche mediante un processo pilotato e un giudice stolido (un Frank Langella totale) guarda da vicino numerose “democrazie” moderne.

Ho nominato Langella e Baron Cohen, ma un oscarino lo meriterebbero anche Mark Rylance e Jeremy Strong. Per non parlare della sveltina da orgasmo di Michael Keaton.

Bravissimi anche tutti gli altri, tutti tutti.

Titolo originale: The Trial of the Chicago 7
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2020
Durata: 129 min
Genere: drammatico, storico, thriller
Regia: Aaron Sorkin
Sceneggiatura: Aaron Sorkin
Produttore: Marc Platt, Stuart Besser, Matt Jackson, Tyler Thompson
Produttore esecutivo: Walter F. Parkes, Laurie MacDonald, Marc Butan, Anthony Katagas, James Rodenhouse, Nia Vazirani, Kristie Macosko Krieger, Lauren Lohman, Thorsten Schumacher, Shivani Rawat, Slava Vladimirov, Monica Levinson, Jared Underwood, Ryan Smith, Andrew Robinson, Nicole Shipley, Jan McAdoo, Steve Matzkin, Maurice Fadida, Sarah Schroeder-Matzkin
Casa di produzione: Cross Creek Pictures, Dreamworks Pictures
Distribuzione in italiano: Netflix
Fotografia: Phedon Papamichael
Montaggio: Alan Baumgarten
Effetti speciali: Eran Dinur
Musiche: Daniel Pemberton
Scenografia: Shane Valentino
Costumi: Susan Lyall
Trucco: Ray Santoleri, Stephen M. Kelley

Interpreti e personaggi

Yahya Abdul-Mateen II: Bobby Seale
Sacha Baron Cohen: Abbie Hoffman
Joseph Gordon-Levitt: Richard Schultz
Michael Keaton: Ramsey Clark
Frank Langella: Julius Hoffman
John Carroll Lynch: David Dellinger
Eddie Redmayne: Tom Hayden
Mark Rylance: William Kunstler
 

Behind Her Eyes

Avete presente quando si dice quella roba tipo che qualcosa è talmente brutta che fa il giro e diventa bella? E’ più o meno quello ...

Shtisel

Credo che in molti siano arrivati a questa serie israeliana come ci sono arrivato io. Ossia mediante i suggerimenti di Netflix dopo la ...

WandaVision

Anche io che dell’universo cinematografico Marvel non sono un detrattore (anzi), non mi aspettavo che Disney e Marvel Studios ...

Sky Rojo

Personaggi profondi come un culo di bottiglia, puntate brevi ma tutte uguali, sceneggiatura che pare scritta da un quattordicenne spagnolo ...

Your Honor

Una cura dimagrante di due o tre episodi avrebbe certamente giovato a questa serie, che pur partendo da ottimi spunti, certamente validi per ...