FUTURE ISLANDS
As Long As You Are

[ 4AD - 2020 ]
6.5
 
Genere: indie pop, synthpop
 
28 Ottobre 2020
 

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta tappa di una carriera in costante crescita. Il quartetto statunitense è attivo da una quindicina d’anni ma ancora mostra la freschezza di chi sembra aver molto da comunicare. E questo nonostante una proposta musicale sì interessante, ma anche alquanto antiquata.

Alcuni li inseriscono nella categoria del synthpop; per altri invece si piazzano in una terra di mezzo tra la new wave e il post-punk. Tre elementi che in effetti sono facilmente individuabili nel sound della band di Baltimora, il cui gusto per tutto ciò che è vintage è innegabile; a partire dal raffinatissimo tocco analogico dei sintetizzatori di Gerrit Welmers, protagonista assoluto di questo nuovo lavoro.

Il suo strumento fa da “guida” agli undici brani in scaletta, di volta in volta caratterizzandoli per intenzioni e mood diversi. I Future Islands su questo disco seguono essenzialmente due strade distinte: da una parte abbiamo pezzi soft e di grande atmosfera, immersi in oceani di malinconia e impreziositi dalla voce sempre più calda di Samuel T. Herring; dall’altra abbiamo canzoni più movimentate e “ballabili”, con la sezione ritmica formata dal bassista William Cashion e dal batterista Michael Lowry in forte risalto.

A quest’ultimo gruppo appartengono sicuramente i momenti più coinvolgenti di “As Long As You Are”: il beat simil-disco di “For Sure”, “Born In A War”, “Waking” e “Plastic Beach” acchiappa ma non colpisce troppo, visto che stiamo parlando di sonorità ormai abusatissime. Le cose vanno molto meglio quando i Future Islands abbassano i toni e tentano un approccio più ricercato alla materia ‘80s.

Canzoni come l’eterea “Glada”, la sintetica “City’s Face”, la notturna “Moonlight” e l’accorata “Thrill” rappresentano le pagine migliori di un’opera che purtroppo convince solo a metà. La band sembra esaltarsi davvero solo quando si cala in una dimensione più intima e sofferta; chissà, in futuro un album triste e ultra-deprimente potrebbe rivelarsi il loro capolavoro. Attendiamo speranzosi e con le lacrime già agli occhi.

Credit Foto: Justin Flythe

Tracklist
1. Glada
2. For Sure
3. Born In A War
4. I Knew You
5. City’s Face
6. Waking
7. The Painter
8. Plastic Beach
9. Moonlight
10. Thrill
11. Hit The Coast
 
 

Elvis Costello – Hey ...

Elvis Costello arriva al suo trentunesimo album, una carriera lunghissima e tantissime straordinarie canzoni: a sessantasei anni, li ha ...

Marco Parente – Life

Marco Parente è uno di quegli artisti che – per una volta a ragione e senza timore di smentita – si possono tristemente ...

Cherry Pickles – The Juice ...

Secondo album per le Cherry Pickles (le nostre ciliegine sottoaceto) che arrivano da Birmingham, la città dell’Aston Villa e dei ...

The Silence – Electric ...

L’animo cosmopolita della Drag City non è certo una novità e neppure l’indole avventurosa dell’etichetta di Chicago capace di ...

Osees – Metamorphosed

Neanche un mese fa è uscito il loro ventiquattresimo album “Protean Threat“e ora ce ne piazzano un altro ancora più forte. Gli ...