MAGICK MOUNTAIN
Weird Feelings

[autoprodotto - 2020]
7
 
Genere: garage-rock,psych-garage
 
2 Novembre 2020
 

I Magick Mountain possono essere definiti un supergruppo? Forse sì, ma non ci interessano molto questo tipo di etichette, preferiamo giudicare la sostanza della musica messa in campo dai protagonisti e in questo caso a Tom Hudson (Pulled Apart By Horses), Lins Wilson (Grammatics, Mother Vulpine) e Scott Matthews (Sky Larkin, Menace Beach) sicuramente l’esperienza e la qualità non mancano.

Residenti a Leeds e amici da parecchi anni, i tre, come ci hanno confidato nella nostra recente intervista, hanno fondato questo nuovo progetto nel 2016, ma solo ora arriva il loro album d’esordio, probabilmente anche a causa dei numerosi impegni con le loro altre band: realizzato senza l’aiuto di una label, questo debutto full-length è stato prodotto dagli stessi Magick Mountain insieme a Margo Broom e James Kenosha.

Sin dal primo ascolto possiamo notare influenze rock anni ’70 e – facendo paragoni più moderni – si notano quelle di artisti quali Ty Segall, Osees e King Gizzard And The Lizard Wizard.

Si parte e il nostro viaggio si tuffa immediatamente nel mondo del garage-rock: riff potenti e fuzzy che arrivano dritti in faccia, piacevoli cori e melodie azzeccate sono il biglietto da visita che porta la opening-track “Bart Cobain”, ovviamente tutto a ritmi incredibilmente elevati ed eccitanti (come succederà in quasi tutti i 41 minuti del disco).

“Stranger Danger”, pur energica e piena di fuzz, ci trasporta su pesanti territori psichedelici, mentre la corta “The Shitty Beatles”, con intense linee di basso e chitarre adrenaliniche ci conquista con il suo ritornello incontenibile e divertente.

Dobbiamo poi citare “Dream Chaser”, che sembra essere il momento di pausa in mezzo alla tempesta: gentile e tranquilla, ci presenta un volto “moderato” della band di Leeds con l’uso della chitarra acustica.

Il disco si chiude con la lunga “The Creeper” e una nuova dose di heavy psych-garage melodico e fuzzy: ci sorprende, però, la sua interessante conclusione strumentale che vede l’inaspettato uso di archi.

Tirando le somme “Weird Feelings” non sarà forse il disco più innovativo del 2020, ma è sicuramente ben costruito da tre musicisti di qualità e il risultato è assai godibile: quaranta intensi minuti che vale la pena passare insieme al gruppo di Leeds.

Photo Credit: Magick Mountain

Tracklist
1. Bart Cobain
2. Zodiac
3. Cherokee
4. Brown Bread
5. Stranger Danger
6. Colossus
7. Dream Chaser
8. Infinity X2
9. King Cobra
10. The Shitty Beatles
11. The Creeper
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments