OGGI “IN THE FLAT FIELD” DEI BAUHAUS COMPIE 40 ANNI

 
3 Novembre 2020
 

1977, anno zero del nuovo rock, i Bauhaus 1919 prendono forma e iniziano a creare la loro arte in musica.

Il grande Ivo Watts-Russell non se li lascia scappare, e così il disco d’esordio del 1980 “In The Flat Field” diventa il primo album edito dalla prestigiosa etichetta 4AD.
Il quartetto britannico elide la data, ma mantiene la parola: Bauhaus, in onore e come dichiarazione di ispirazione artistica e intellettuale all’omonima corrente culturale avanguardistica tedesca di inizio ‘900.

Bauhaus si vanno a posizionare nel filone del dark avendo come matrice il primo post punk e inaugurando essi stessi una certa new wave decadente.
Spina dorsale della band è il frontman Peter Murphy, istrione dalle spiccate doti comunicative e dal carisma magnetico. A differenza dei colleghi del panorama dark come Robert Smith o Ian CurtisPeter Murphy risulta estroverso ed energico, con un pizzico di effetto glam alla David Bowie e una velata aria teatrale, la quale rende ancora più stranianti, sinistri e disturbanti le proprie liriche.

Il disco d’esordio del 1980 “In The Flat Field” incontra una risposta da parte della critica decisamente eterogenea nei pareri, tra negatività ed elogi, mentre il pubblico sembra subito fidelizzarsi e innamorarsi delle atmosfere dark macchiate di decadentismo culturale e horror distinto.

“In The Flat Field” si apre con la spettacolare e identificativa “Double Dare” che introduce splendidamente e in medias res nel mondo dei Bauhaus. Il disco poi procede con splendidi brani gotici che tendono a volte verso il glam (“God In An Alcove”), a volte si induriscono verso un punk tagliente (“Dive”), altre ancora spiazzano l’ascoltatore avvolgendolo in ballate orrorifiche come “Spy In The Cab” o verso la sperimentazione delirante e agghiacciante tipica della band come in “St. Vitus Dance”.

Le batterie sono tempestose, i bassi roboanti e le chitarre taglienti. La voce forte e profonda di Peter Murphy si snoda su questo tappeto musicale in maniera sempre nuova e inaspettata, districandosi tra calde vocali, strozzate consonanti e urla ancestrali. Evidenti le influenze di due giganti come Jim Morrison nelle arie recitate e di Iggy Pop nella furia bestiale e selvaggia. A sua volta Peter Murphy influenzerà molti cantanti successivi, due su tutti, a mio avviso, Marylin Manson e Brian Molko.

Il ghotic rock viene ufficialmente inaugurato da questo disco e alcuni brani spopoleranno nelle discoteche dark inglesi degli anni ’80.
“In The Flat Field” è un’opera di rarissima qualità e importanza nel panorama musicale moderno, una pietra preziosa, di assoluto valore, da conservare, preservare e assaporare per sempre.

Grazie Peter, vampiro, cantore demoniaco dal cuore tenero che con la tua meravigliosa mise en scene hai saputo intrattenerci e farci pensare.

Continua a illuminarci il sentiero con l’imperitura luce della tua fioca lanterna nelle tenebre.

Data di pubblicazione: 3 Novembre 1980
Durata: 38:44
Tracce: 9
Etichetta: 4AD
Produttore: Bauhaus

Tracklist:
1. Double Dare
2. In The Flat Field
3. God In An Alcove
4. Dive
5. Spy In The Cab
6. Small Talk Stinks
7. St. Vitus Dance
8. Stigmata Martyr
9. Nerves

 

Oggi “A Night At The ...

di Federico Arduini Il 21 novembre 1975, esattamente 45 anni fa, arrivava nei negozi il quarto lavoro in studio dei Queen, “A Night At ...

Oggi “So Red The Rose” ...

A fine 1985, con i Duran Duran fermi ai box e con qualche crepa che inizia a delinearsi all’orizzonte, ecco arrivare la scappatella ...

Oggi “Psychocandy” dei The ...

C’è chi dice che lo shoegaze abbia una data di nascita scritta a penna sul certificato di battesimo e che quella data sia: 18-11-1985. Il ...

A proposito del live streaming: ...

Personalmente i concerti amo vederli dal vivo, sotto un palco, in una dimensione in cui la distanza tra le persone non sia la mia prima ...

Oggi “Confessions On A Dance ...

Vent’anni di trionfi e poi, quasi all’improvviso, il flop. O comunque qualcosa di molto simile. Nel 2003 l’album “American Life” ...