MOURN
Self Worth

[Captured Tracks - 2020]
7.5
 
Genere: indie-rock,alt-rock,indie-punk
 
13 Novembre 2020
 

Sono passati oltre due anni da “Sorpresa Familia” e ora le Mourn sono ritornate con il loro quarto LP: ora a Carla Perez Vaz e alle sorelle Jazz e Leia Rodriguez Bueno si affianca il nuovo batterista Victor Alvarez Ridao, che sostituisce Antonio Postius che ha abbandonato recentemente il gruppo catalano.

Le due frontwoman Carla e Jazz si sono isolate nei Pirenei francesi per qualche giorno per trovare l’ispirazione e poter scrivere i nuovi pezzi senza distrazioni e il risultato ha dato loro ciò di cui avevano bisogno: “l’autostima, la voglia di andare avanti, di amare noi stessi, con tutto, con il bene e il male”, riuscendo probabilmente a far uscire un parte della loro frustrazione, mentre affrontano temi come rabbia, ansia, disuguaglianza e problemi dell’età adulta.

L’inizio calmo di “This Feeling Is Disgusting” non deve far pensare che le ragazze di Maresme, Catalunya possano aver perso la loro energia, perché dopo appena trenta secondi entrano esaltanti e potenti chitarre che alzano il ritmo in maniera evidente e ci riportano verso influenze indie-rock dai sapori ‘90s.

L’intro di “Gather, Really” con quei suoi arpeggi delicati e melodiosi ci fa tornare in mente un certo Morrissey e i suoi Smiths, ma anche qui sono solo quaranta secondi perché poi la decisa esplosività alt-rock delle Mourn torna a farsi sentire, anche grazie a un drumming davvero aggressivo e rapido.

“Stay There” ha un umore assolutamente punk e deciso, mentre in “I’m In Trouble” possiamo sentire le evidenti origini punk hardcore del nuovo batterista Victor Alvarez Ridao, che detta i tempi – decisamente elevati – del brano.

“Apathy”, l’unico pezzo dell’album lungo più di quattro minuti, si affida a lungo all’aggressivo basso di Leia e alle voci di Carla e Jazz che ruggiscono tutta la loro rabbia, mentre nella sua parte finale lascia spazio a rumorose e distruttive chitarre.

Un disco solido e dallo spirito punk, questo “Self Worth” ci mostra il lato più adrenalinico, determinato e intenso delle Mourn: sicuramente i loro prossimi concerti delle ragazze catalane (non appena si potrà tornare a suonare) saranno da non perdere.

Photo Credit: Cristian Colomer Cavallari

Tracklist
1. This Feeling Is Disgusting
2. Call You Back I
3. I’m In Trouble
4. Men
5. Gather, Really
6. The Tree
7. Stay There
8. House Hold
9. It’s A Frog’s World
10. Worthy Mushroom
11. Apathy
12. The Family’s Broke
 
 

The Cribs – Night Network

Sono passati tre anni dal loro settimo album, “24-7 Rock Star Shit” e i Cribs sono tornati ora con il suo atteso successore, pubblicato ...

The Smashing Pumpkins – CYR

A mio modo di vedere, l’errore in cui il fan, ma anche il collega recensore, non deve assolutamente incorrere è quello di paragonare ...

The Bats – Foothills

I The Bats sono un pezzo di storia del rock neozelandese, alfieri di quello che è stato battezzato Dunedin Sound che negli anni ottanta se ...

Nero Kane – Tails Of Faith ...

La fede è speranza, la disperazione può condurci verso il baratro della follia; ci sono notti in cui il vento del deserto si diverte a ...

Sundara Karma – Kill Me EP

Se dei Sundara Karma conoscete solo “Flame” e vi aveva letteralmente scaldati posso dirvi che non ci sarà alcun “ritorno di ...