AUTECHRE
PLUS

[ Warp Records - 2020 ]
8
 
Genere: IDM, glitch
 
18 Novembre 2020
 

Gli Autechre, ovvero i maestri dell’imprevedibilità. Appena dodici giorni dopo la pubblicazione di “SIGN”, il duo britannico spiazza i fan con un nuovo, inatteso lavoro intitolato “PLUS”. Un oggetto misterioso, comparso sulle piattaforme di musica in streaming senza alcun preavviso, che presenta alcune analogie con il suo freschissimo predecessore.

Per notare la prima basta dare un’occhiata alle copertine degli album in questione. Sono letteralmente identiche, a esclusione dei colori scelti per lo sfondo e per la strana forma circolare realizzata dai grafici del The Designers Republic. Tali differenze cromatiche sembrano in qualche modo influire sul contenuto di due dischi che, c’è da giurarci, sono nati per completarsi a vicenda.

Se “SIGN” predilige tonalità – e, di conseguenza, sonorità – calde e oscure, “PLUS” preferisce indagare la sfera più grigia e fredda dell’IDM, spingendo l’ascoltatore in quella che a tutti gli effetti è un’avventura nei meandri più astratti e alieni dell’elettronica sperimentale. I tratti di umanità emersi nella precedente opera, disseminati tra brandelli melodici e suggestioni ambient, qui resistono quasi esclusivamente in una manciata di brani che vanno dal ruvido (“ii.pre esc”, “esle 0”) al celestiale (“lux 106 mod”).

Per quanto riguarda il resto, gli Autechre di “PLUS” tornano a mostrarci in tutto il suo splendore l’efferata natura di un sound sì gelido e claustrofobico, ma anche inebriante nella sua affascinante indecifrabilità. Un ermetismo che posa le proprie basi sull’impressionante intelaiatura ritmica ideata da Sean Booth e Rob Brown, nuovamente in primo piano dopo l’apparente quiete che invece aveva caratterizzato “SIGN”.

I battiti tribali di “DekDre Scap B”, il caos digitale di “7FM ic” e gli scheletrici beat di “marhide” potrebbero benissimo essere frutto di un’intelligenza artificiale programmata per imitare la musica dance; un fiume di pulsazioni che, pur non avendo praticamente nulla di regolare, contribuiscono a dar forma a un lavoro robusto e coeso. Sul podio le lunghissime “ecol4”, “X4” e “TM1 open”: tre distinti flussi di note che confluiscono in un unico labirinto di suoni sintetici, glitchati e irreali. Il percorso è faticoso ma incredibilmente appagante.

Tracklist
1. DekDre Scap B
2. 7FM ic
3. marhide
4. ecol4
5. lux 106 mod
6. X4
7. ii.pre esc
8. esle 0
9. TM1 open
 
 

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...

Robin Guthrie – Pearldiving

Nove anni dopo “Fortune” torna in veste solista il buon Robin Guthrie che come al solito suona tutti gli strumenti in un album di note ...

HighSchool – Forever at Last

Qualche anno fa arrivò un album inaspettato che lasciò il segno, una band che si presentò ed eclissò alla velocità della luce, si ...

Parcels – Day / Night

Osannati, osannatissimi Parcels: negli ultimi tre o quattro anni hanno conquistato un bel pubblico in Francia, oltremanica, ma anche da noi ...

French For Rabbits – The ...

Attivi sin dal 2012, i French For Rabbits sono tornati ora con questo loro terzo LP, realizzato qui in Italia dalla indie-label romana A ...