TIÑA
Positive Mental Health Music

[Speedy Wunderground – 2020]
7
 
 
18 Novembre 2020
 

I Tiña vengono da South London e hanno attirato l’attenzione di un produttore come Dan Carey e della Speedy Wunderground, una delle etichette più interessanti della scena inglese. Cowboy psichedelici dal look coloratissimo e vivace, surreali e spesso ironici, sono molto diversi da IDLES, Fat White Family, Sleaford Mods e dal buon numero di band che sono emerse oltremanica negli ultimi anni.

Il frontman Joshua Loftin in realtà si è fatto le ossa nei Bat-Bike, sardonica garage band con molta grinta ma poca fortuna che faceva parte del vasto mondo che girava attorno proprio ai Fat White Family e ha pubblicato diversi album per la Trashmouth. Ritrovarlo oggi in cappello da cowboy rosa shocking (a cui abbina a volte pantaloncini e slip dello stesso colore) fa un certo effetto, inutile negarlo. Il tipo di svolta estetica radicale che segna in modo indelebile la carriera di un artista.

Loftin in realtà sembra aver trovato la propria dimensione nel pop psichedelico che i Tiña propongono in “Positive Mental Health Music”, esordio prodotto da Carey e prima vera uscita sulla lunga distanza della Wunderground dopo una serie di singoli di livello molto alto (Teleman, black midi, Squid, Black Country New Road). Undici brani in trentanove minuti, tutti o quasi scritti dopo un grave esaurimento nervoso da cui Loftin sta ancora uscendo.

Un album “sincero ma non troppo serio” come lui stesso l’ha definito, in cui la vulnerabilità è il vero filo conduttore. Musicalmente compatto ma non estremamente vario nel sound, “Positive Mental Health Music” gira inevitabilmente intorno a Loftin e alla sua voce capace di passare dal falsetto estremo di “Rooster” ai toni ben più sommessi di “Rosalina”, uno dei brani più riusciti insieme all’incoraggiante “I Feel Fine”, alla melodica e tragica “Golden Rope” e a una disperatissima “It’s No Use”.

Gli ululati di “Closest Shave” stile Warren Zevon se a cantare fosse Lawrence periodo Felt / Denim, il sesso negato di “New Boi” e “Dip” mostrano invece l’altro lato di una band che, nonostante Carey, non raggiunge ancora su disco il potenziale che esprime dal vivo ma ha il merito di parlare di salute mentale in una prospettiva finora inedita.

Credit foto: Arnau Coll

Tracklist
1. Buddha
2. Rosalina
3. I Feel Fine
4. Rooster
5. Closest Shave
6. Growing In Age
7. New Boi
8. Golden Rope
9. It's No Use
10. Dip
11. People
 
 

The Cribs – Night Network

Sono passati tre anni dal loro settimo album, “24-7 Rock Star Shit” e i Cribs sono tornati ora con il suo atteso successore, pubblicato ...

The Smashing Pumpkins – CYR

A mio modo di vedere, l’errore in cui il fan, ma anche il collega recensore, non deve assolutamente incorrere è quello di paragonare ...

The Bats – Foothills

I The Bats sono un pezzo di storia del rock neozelandese, alfieri di quello che è stato battezzato Dunedin Sound che negli anni ottanta se ...

Nero Kane – Tails Of Faith ...

La fede è speranza, la disperazione può condurci verso il baratro della follia; ci sono notti in cui il vento del deserto si diverte a ...

Sundara Karma – Kill Me EP

Se dei Sundara Karma conoscete solo “Flame” e vi aveva letteralmente scaldati posso dirvi che non ci sarà alcun “ritorno di ...