OGGI “SINCE I LEFT YOU” DEI THE AVALANCHES COMPIE 20 ANNI

 
27 Novembre 2020
 

Libertà, sperimentazione, un pizzico d’incoscienza. Queste le caratteristiche del debutto sulla lunga distanza di Robbie Chater e Darren Seltmann in arte The Avalanches, uscito ad inizio millennio. Diciotto brani, un’ora e passa di musica realizzata con tracce originali e un sopraffino taglia e cuci di samples (3500 iniziali poi ridotti ad “appena” 900) presi dall’imponente collezione di vinili dei due ragazzi australiani che avevano appena messo le mani su uno Yamaha Promix 01 e un Akai S2000.

Poche ambizioni, men che meno quella di diventare famosi se, come è vero, non hanno neppure tenuto una lista aggiornata dei pezzi utilizzati creando qualche grattacapo alla loro etichetta australiana e alle consorelle europee. Le leggi sul copyright non erano ancora così severe (lo sarebbero diventate qualche anno dopo, Danger Mouse col suo “The Grey Album” ne sa qualcosa) garantendo a Chater e Seltmann una discreta libertà d’azione in un campo sdoganato dall’hip hop ma preso ampiamente in prestito da dance e elettronica.

Un confine che nella musica dei The Avalanches era decisamente labile, come dimostrano i quattro eclettici singoli: l’aussie touch di “Electricity”, l’avanguardia di “Frontier Psychiatrist”, la melodica “Since I Left You” e la scattante “Radio”. Due video hanno contribuito al successo dell’album: quello di “Psychiatrist” diretto da Tom Kuntz e Mike Maguire e quello molto poetico della title track affidato a Rob Leggatt e Leigh Marling, vincitore di un MTV Europe Music Award. Momento decisamente surreale la consegna del premio, impossibile non notare la freddezza tra i registi, Chater e Seltmann che avrebbero voluto una sceneggiatura diversa e non hanno mai amato la storia dei due minatori scelta dalla casa discografica.

C’era anche altro ovviamente in questo primo disco: le buone vibrazioni di “Two Hearts in ¾ Time” e “Close to You”, il ritmo grintoso di “Flight Tonight” in quota Beastie Boys, la disco anni settanta di “A Different Feeling”, le melodie bucoliche di “Etoh” e “Summer Crane”, “Live at Dominoes” influenzata dai Daft Punk. Lavoro imponente anche dal punto di vista produttivo e di mixaggio quello effettuato da Chater e Seltmann con l’aiuto di Tony Espie e Richie Robinson. Un album che per i The Avalanches è sempre stato croce e delizia, gli ha dato una notorietà incredibile e forse insperata cementando la loro fama di band selvaggia dal vivo ma li ha contemporaneamente gettati in una crisi creativa e d’identità da cui sono riemersi solo sedici anni dopo.

Data di pubblicazione: 27 novembre 2000
Tracce: 18
Registrato: 1999–2000, Softlight Bistro e Wow Sound (Melbourne) – Westfalia Beachhouse (Sorrento)
Lunghezza: 60:39
Etichetta: Modular / XL/ Sire
Produttori: Robbie Chater, Darren Seltmann

1. Since I Left You
2. Stay Another Season
3. Radio
4. Two Hearts in ¾ Time
5. Avalanche Rock
6. Flight Tonight
7. Close to You
8. Diners Only
9. A Different Feeling
10. Electricity
11. Tonight
12. Pablo’s Cruise
13. Frontier Psychiatrist
14. Etoh
15. Summer Crane
16. Little Journey
17. Live at Dominoes
18. Extra Kings

 

Oggi “Kiss Me Deadly” dei ...

I figli della prima generazione del punk si bruciarono in fretta. Tra questi i Generation X, che sin dagli esordi si erano fatti ...

Oggi “Inside In/Inside Out” dei ...

23 gennaio 2006: una data importante nella storia dell’indie rock britannico di inizio millennio. Nella stessa identica giornata, infatti, ...

Oggi “Station to Station” di ...

Quando Bowie realizzò “Station to Station”, arrivava dal grande successo di “Young Americans” e del singolo ...

Oggi “The Soul Cages” ...

Era il 22 gennaio 1991, quando nei negozi di dischi fece la sua prima comparsa “The Soul Cages”. Sting arrivava dal successo dei suoi ...

Oggi “Things We Lost In The ...

Gennaio è il mese dei compleanni importanti per la band capitanata da Alan Sparhawk e Mimi J. Parker. Avevamo celebrato nel 2020 ...