THE WYTCHES
Three Mile Ditch

[Cable Code - 2020]
7.5
 
Genere: noise-rock,post-punk
 
27 Novembre 2020
 

Dopo ben quattro anni dal loro sophomore “All Your Happy Life”, i Wytches sono ritornati con un nuovo LP, il primo realizzato per la Cable Code Records, l’etichetta di loro proprietà, e anche il primo senza il loro batterista originale Gianni Honey, che ha abbandonato il gruppo lo scorso anno.

La band originaria di Peterborough ha registrato “Three Mile Ditch” nell’autunno del 2019 ai Tile House Studios di Londra insieme a Luke Oldfield, mentre Noel Summerville si è occupato del mastering.

L’opening-track “Cowboy” sembra ripartire proprio da dove i Wytches avevano lasciato qualche anno fa: atmosfere psichedeliche pesanti e soprattutto cupe, mentre chitarra e basso sembrano, invece, trasportarci verso la durezza dei tempi del grunge di Seattle.

I paesaggi sonori, seppur sempre tetri, cambiano poi in modo deciso in “Midnight Ride”, in cui gentili arpeggi di chitarra accompagnano la voce del frontman Kristian Bell in un viaggio acustico dalle inaspettate e preziose influenze folk.

Atmosfere decisamente riflessive ed eleganti anche in “A Love You’ll Never Know”, ma è il suo coro, costruito in modo intelligente, a esplodere e a esaltarci.

Intensa e decisa, “Everyone’s Friend”, disegnata da potenti riff di chitarra e dalle urla tipiche di Bell, è forse il momento più duro di tutto il disco, mentre “White Cliffs” risulta più accessibile e melodica, ma non per questo va a snaturare la natura della band inglese.

Difficile usare un’unica etichetta per il sound dei Wytches che, pur non reinventando la famosa ruota, con “Three Mile Ditch” riescono a creare un album solido, fresco, piuttosto energico e di buon valore.

Photo Credit: Paul Hudson (CC BY 2.0)

Tracklist
1. Cowboy
2. Three Mile Ditch
3. Midnight Ride
4. Fly Inside
5. A Love You’ll Never Know
6. Meat Chuck
7. Everyone’s Friend
8. White Cliffs
9. Silver Trees
10. You Looked Happy To Me
 
 

Shame – Drunk Tank Pink

Li avevamo messi alla prova qualcosa come due anni fa, gli Shame, con il loro esordio “Songs of Praise“, e in poco tempo i ...

Mighty Oaks – All Things Go

Formati da un inglese, un italiano e uno statunitense, i Mighty Oaks sono insieme da oltre dieci anni e lo scorso febbraio hanno pubblicato ...

Brigid Mae Power – Head Above ...

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il ...

Bacchae – Pleasure Vision

Provenienti da Washington, D.C., i Bacchae hanno realizzato questo loro secondo LP lo scorso marzo per la Get Better Records di Chicago. ...

Guided By Voices – Styles We ...

Che gli possiamo dire al buon Robert Pollard, uno che solo nel 2020 ha fatto uscire ben tre album a nome Guided By Voices (ormai sempre più ...