“LA MINESTRA RISCALDATA, SE BUONA, è MOLTO MEGLIO DI UNA MINESTRA FRESCA MA INSAPORE”, A TU PER TU CON I CHARLIE & THE CATS

 
29 Novembre 2020
 

I Charlie & The Cats sono dei soggetti assurdi, e per questo meravigliosi.

Carriera pluridecennale, una serie interminabile di sbronze e palchi alle spalle, un’ironia che taglia più di una lama e si affonda nelle viscere della risata, strappando all’ascoltatore qualcosa che va oltre il semplice divertimento per svalicare nell’auto-riflessione che deriva dal cinismo più intellettuale – anche laddove il dialetto, lingua portante del progetto, sembra ammiccare al popolare, al basso, al profano. Ed è proprio nella sacralità del profano, nel richiamo delle radici, nel senso di appartenenza che si fa memoria e punto di costante (ri)partenza che i Charlie hanno trovato la forza e la voglia, a diciassette anni di distanza dalla pubblicazione del loro più celebre disco, di rimasterizzare i suoni della loro gioventù musicale, in un continuum arte-vita che più che mai nasce dalla necessità di non perdersi, e di non smettere di divertirsi, divertendo.

Visto il tenore divergente della proposta musicale, anche la nostra intervista ha preso una direzione contraria a quella della routine, e le domande su “Greatest Tits (Deluxe)” cominciano con uno di quei quesiti che affollano le riflessioni esistenziali di tutti:

Domanda per rompere il ghiaccio: come vi piace il caffè?

CHARLIE: A me il caffè piace in tutti i modi… al momento mi sto adattando a quello turco perché qui in Serbia, dove sono al momento, l’espresso non è granché!

ALAN: A letto, forte ma un po’ lungo.

Come è stato rimasterizzare un album del 1993?

C: “Greatest Tits” era una raccolta di incisioni di varia provenienza, di cui alcune molto casalinghe; per noi contava l’idea e l’affetto che ci legava (e continua a legarci) al progetto, non abbiamo mai prestato troppa attenzione a suoni o arrangiamenti. Adesso, enfatizzando le frequenze si evidenziano anche gli errori, tra l’altro! Ma credo sia proprio questo il motivo per il quale lo trovo ancora un prodotto ancor più godibile e originale, perché autentico.

A: Beh, è come gareggiare ai giorni nostri con una NSU PRINZ!

L’ironia ai tempi di una pandemia mondiale, qual’è la chiave di lettura?

C: Beh, con questa pandemia in corso ormai da nove mesi cosa vuoi fare? L’unica è sdrammatizzare e guardare avanti tirando la cinghia, e sperando nella possibilità di tornare a suonare al più presto.

A: La chiave e la modalità di lettura, eccotela qui: perdere il gusto, la vista, l’olfatto, l’udito ed esser primi in classifica!

“Nutria” e “Pirlo” parlateci dei due brani inediti, di quello che ancora non sappiamo.

C: Come per quasi tutti gli altri brani, anche “Nutria” e “Pirlo” nascono da idee di svago e divertimento, non vogliamo comunicare altro che quello che ci viene in mente. E quello che ci viene in mente, solitamente, è deliziosamente fuori di testa!

A: “Pirlo”, solare e frizzante, da bere. “Nutria”, pelosa, setolosa e sulle sponde ritrosa!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Charlie & the Cats (@charlieandthecatsofficialbs)

Non avete paura dell’effetto “minestra riscaldata”?

C: La minestra riscaldata – se è buona – è molto meglio di una minestra fresca ma insapore.

A: E’ una promessa: appena lo avvertirò… smetto!

Avete nuovi progetti per il futuro?

C: Il progetto principale è quello di suonare live, il nostro trio ha un considerevole impatto dal vivo e da quando saranno possibili i concerti significherà per noi nuovi soundcheck, ovvero le occasioni durante le quali abbiamo composto la maggior parte dei nostri pezzi… chissà che non ne esca fuori un “Great Greatest Tits”!

A: Fondare un Partito Brigate Ferie Libere. Ti vuoi unire anche tu?

https://youtu.be/o-1rf7yQ2xI

SIAMO TORNATI

Pubblicato da Charlie & the Cats su Giovedì 15 ottobre 2020

 

“Il Pop è un genere che si ...

Dalle ceneri dei Little Green Cars è venuto fuori questo incredibile quartetto irlandese dei Soda Blonde il quale con il loro fresco ...

“Al giorno d’oggi c’è ...

Parlare di Opera non è cosa semplice; ma dopotutto, potrei rispondermi, esiste forse qualcosa di davvero semplice, laddove ogni cosa ...

“Basta con questa ossessione ...

Una delle più grandi magie che chi ama la musica può sperimentare sta nell’associare a una canzone o un artista un momento specifico ...

“Scrivere tra le mie piccole ...

Inutile che io mi dilunghi più molto su Simone, protagonista di diversi miei appassionati bollettini sui quali ho già speso lacrime ...

“Il mio modo di scrivere ...

Ruby Fields è una musicista di Sydney: attiva sin dal 2017, la giovane australiana ha finora pubblicato una manciata di singoli e un EP, ...