THE BATS
Foothills

[Flying Nun Records – 2020]
7.5
 
Genere: Indie rock
 
30 Novembre 2020
 

I The Bats sono un pezzo di storia del rock neozelandese, alfieri di quello che è stato battezzato Dunedin Sound che negli anni ottanta se la vedeva ad armi pari con la C86, la scena di Glasgow, il college rock americano. Insieme a The Chills, The Clean, Toy Love, The Verlaines (solo per citare alcune band) hanno dimostrato che la musica serve veramente ad accorciare distanze geografiche e ad avvicinare anime simili. Dieci album, attivi da ben trentotto anni nella stessa, granitica formazione (Robert Scott – Paul Kean – Kaye Woodward – Malcolm Grant) e una grinta ancora invidiabile.

“Foothills” è stato registrato nel 2018, un anno dopo l’uscita di “The Deep Set” in una casa isolata nelle Southern Alps neozelandesi a un’ora circa da Christchurch. Dodici brani creati con la calma tipica dei musicisti che si conoscono da una vita e sanno fin dove spingersi, quando calcare la mano e quando è il momento della gentilezza. Robert Scott ha ricordato spesso che la cosa più importante nelle canzoni dei The Bats è la sensazione che lasciano addosso, il feeling che si crea con chi ascolta ed è fin troppo vero.

“Trade In Silence” con le sue chitarre avvolgenti e il ritmo cadenzato di “Scrolling” lo dimostrano. “Beneath The Visor” sarebbe la colonna sonora perfetta per uno spot turistico sulle bellezze della Nuova Zelanda, il singolo “Warwick” è indubbiamente accattivante, le voci di Scott e di Kaye Woodward creano armonie vivaci e dolcissime (quelle di “Another Door” e “Red Car” lasciano difficilmente le orecchie).

I The Bats continuano imperterriti a percorrere la strada iniziata tanti anni fa, in bilico tra l’indie pop gentile e intelligente di “Field Of Vision” e “Smaller Pieces”, la malinconia frizzante di “As You Were”, quella più riflessiva di “Gone To Ground” e il lungo piano sequenza chitarristico di “Electric Sea View”. “Change Is All” potrebbe essere il loro manifesto di vita e musica. Informali e giocosi accompagnano le giornate in modo estremamente piacevole.

Tracklist
1. Trade In Silence
2. Warwick
3. Beneath The Visor
4. Scrolling
5. Another Door
6. Red Car
7. Field Of Vision
8. Change Is All
9. As You Were
10. Smaller Pieces
11. Gone To Ground
12. Electric Sea View
 
 

Shame – Drunk Tank Pink

Li avevamo messi alla prova qualcosa come due anni fa, gli Shame, con il loro esordio “Songs of Praise“, e in poco tempo i ...

Mighty Oaks – All Things Go

Formati da un inglese, un italiano e uno statunitense, i Mighty Oaks sono insieme da oltre dieci anni e lo scorso febbraio hanno pubblicato ...

Brigid Mae Power – Head Above ...

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il ...

Bacchae – Pleasure Vision

Provenienti da Washington, D.C., i Bacchae hanno realizzato questo loro secondo LP lo scorso marzo per la Get Better Records di Chicago. ...

Guided By Voices – Styles We ...

Che gli possiamo dire al buon Robert Pollard, uno che solo nel 2020 ha fatto uscire ben tre album a nome Guided By Voices (ormai sempre più ...