GRANDADDY
The Sopthware Slump … on a wooden piano

[Dangerbird – 2020]
8
 
 
4 Dicembre 2020
 

Non poteva essere una celebrazione canonica quella dei vent’anni di “The Sopthware Slump” compiuti lo scorso ventinove maggio. Il secondo disco dei Grandaddy sospeso tra natura e tecnologia, analogico e digitale, uscito quando il millennio era iniziato già da qualche mese e diventato un pilastro del sound indipendente a stelle e strisce. La deluxe edition pubblicata nel 2011 sembrava aver accontentato tutti, anche gli ammiratori più esigenti, serviva dunque qualcosa di diverso per far tornare questi undici brani sugli scaffali fisici e virtuali di uno strano 2020.

Non una semplice ristampa ma un cofanetto di ben quattro LP con versione rimasterizzata del disco, rarità, demo, “Signal to Snow Ratio” e “Through a Frosty Plate Glass” per la prima volta in vinile e il pezzo forte della collezione: “The Sopthware Slump … on a wooden piano”. Vecchio desiderio di Jason Lytle, quello di registrare nuovamente l’album in forma diversa. Ora l’ha fatto sul serio, in totale solitudine durante la pandemia con l’aiuto di un pianoforte di legno come unico accompagnamento. Gli arrangiamenti estrosi e imprevedibili, i sintetizzatori, le chitarre, il basso, la batteria scompaiono per lasciare il posto a canzoni nude, ridotte all’osso: voce, melodia, intensità.

Un ritorno alle origini se vogliamo, visto che “The Sopthware Slump” era stato creato da Lytle in solitaria, con i contributi di Jim Fairchild, Aaron Burtch, Kevin Garcia e Tim Dryden aggiunti in seguito. Riproporlo in una veste così sobria era un bel rischio, ma il risultato è al di sopra delle aspettative. La bellezza e la poesia di brani come “Hewlett’s Daughter”, “Underneath the Weeping Willow”, “Miner at the Dial-a-View” e “So You’ll Aim Toward the Sky” rimangono invariate, accresciute perfino dalla forte intimità che Lytle riesce a creare.

“The Crystal Lake”, “Chartsengrafs” e “Broken Household Appliance National Forest” diventano ballate dal suono minimale, indubbiamente meno grintose ma incredibilmente commoventi, più vicine allo spirito con cui erano nate nella cucina di una piccola casa di Modesto (California). Il Jason Lytle autore e compositore è vero protagonista di quarantanove minuti riletti in modo filologicamente perfetto, emotivamente potenti. Nessuna nostalgia né rimpianti, solo la voglia di suonare e tanto basta. L’androide di “Jed the Humanoid” e “Jed’s Other Poem (Beautiful Ground)” non è mai stato tanto umano e vulnerabile.

Tracklist
1. He's Simple, He's Dumb, He's the Pilot (Piano Version)
2. Hewlett's Daughter (Piano Version)
3. Jed the Humanoid (Piano Version)
4. The Crystal Lake (Piano Version)
5. Chartsengrafs (Piano Version)
6. Underneath the Weeping Willow (Piano Version)
7. Broken Household Appliance National Forest (Piano Version)
8. Jed's Other Poem (Beautiful Ground) (Piano Version)
9. E. Knievel Interlude (The Perils of Keeping It Real) (Piano Version)
10. Miner at the Dial-a-View (Piano Version)
11. So You'll Aim Toward the Sky (Piano Version)
 
 

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...

The Pretty Reckless – Death ...

Come mamma l’ha fatta – con le parti intime celate da una elegante posa – si presenta la bella Taylor Momsen sulla ...

Indigo Sparke – Echo

Se andate in brodo di giuggiole per il sound folk femminile à la Marissa Nadler o Aldous Harding, allora dovete decisamente farvi il regalo ...

Madeline Kenney – Summer ...

Uscito a sorpresa lo scorso 22 gennaio un nuovo mini album, pubblicato dalla label Carpark Records, della statunitense Madeline Kenney che ...

Pale Waves – Who Am I?

“Who Am I?” Bella domanda… chi sei Heather Baron-Gracie? Avril Lavigne? Alanis Morisette? Dolores O’Riordan? Bo. Una cosa è certa: ...